Seguici

Bruschi e Villani

Bruschi & Villani 11 Novembre 2013
Il Lecco è vivo! Evviva il Lecco!

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 4 minuti

Il Lecco è vivo! Evviva il Lecco!

Una squadra che quando cade si rialza. È capitato dopo la brutta sconfitta interna contro il Seregno. È capitato ieri dopo la brutta sconfitta esterna contro il Legnago. Certo in due partite i blucelesti hanno ottenuto un solo punto, ma non si può storcere il naso dopo una prova tutta cuore e volontà, ma anche belle giocate, come quella messa in mostra a Piacenza.

Si può, e si deve, chiedere più attenzione, più furbizia o malizia che dir si voglia, nei momenti topici della gara. È vero che l’arbitro ci ha messo del suo, ma se si sa mettere il pallone in tribuna, se si sanno stringere i denti nel modo giusto, non c’è direttore di gara che tenga: si può vincere contro tutto e tutti. Quel che ha detto, però, mister Giuseppe Butti negli spogliatoi, è molto importante. Al nostro taccuino ha dichiarato: «Speriamo che in settimana si risolva la questione societaria perché l’impressione è che ce la si prenda sempre più contro il Lecco perché è come prendersela contro nessuno». Qualcosa più che un’impressione, caro Butti. È proprio così. L’assenza societaria, ieri a Piacenza mancava l’amministratore unico, ma c’era Rusconi che nel Lecco non ha cariche, si fa sentire. Il dirigente era Carmine Castella e nessun altro, alla fine della gara, ha potuto dire alcunché al direttore di gara, per ringraziarlo, stiamo ironizzando, di un finale che ha conosciuto un vero e proprio crescendo rossiniano di punizioni. A tutto favore del Pro Piacenza, naturalmente.

Clicca per ascoltare la puntata di Bruschi & Villani

Ma al di là dei torti arbitrali, non si può che essere d’accordo con Butti sul fatto che questa squadra è davvero sola contro tutti. Fortunatamente i tifosi mostrano di avere più buon senso dei dirigenti e di chi sta tirando in lungo questa cessione societaria. Anche ieri hanno sostenuto la squadra per tutti i 90 e anche dopo. Ma non si va lontano se non si pone mano a ridare entusiasmo e serenità a questo gruppo. La compagine di Butti e Butti stesso, sono una discreta squadra e un discreto allenatore, che possono migliorare entrambi. E l squadra, con qualche inserimento giusto, potrebbe anche ambire alle zone alte della classifica. Ma tutto questo non può prescindere da un qualcuno, che sia Salvatore Ferrara o altri, che porti soldi ma soprattutto voglia di fare in un ambiente da troppo tempo depresso e in crisi d’identità. Già poter giocare senza dover pensare al pagamento degli stipendi, già poter programmare serenamente il girone di ritorno, sono particolari che, oggi come oggi, appaiono grosse conquiste. Poi si parlerà del futuro più lontano, ma intanto occorre dare altre soddisfazioni a questi tifosi che anche ieri si sono sciroppati l’ennesima trasferta in un campo da prima categoria, nonostante la grande ospitalità offerta dalla società rossonera.

Appare sempre più chiaro che risolvere la questione societaria diventa non solo la speranza di un futuro sereno fuori dal campo, ma anche un pungolo per chi va in campo.

A risentirci

Condividi questo articolo sui Social
.
.
.
.

Lecco Channel Web Radio

LECCO CHANNEL NEWS TV

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Bruschi e Villani