Seguici

C3, BluCeleste in profondità

“Galati-ne” la dispensa delle caramelline

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 4 minuti

Si, ci divertiamo un po' a scherzare con l'uso delle parole piuttosto che con i nomi. In questo editoriale abbiamo tratto ispirazione dalle famose caramelle di latte che sono un pochino come le ciliegie,una tira l'altra. Sempre abusando dell'ironia, vi proponiamo un parallelo tra le Galati-ne che vengono dispensate da via Don Pozzi e il confronto con la realtà dello stato delle cose, dopo che gli sportivi e cioè i fruitori si sono "ciucciati" queste caramelline.

Avanti allora con queste sane pillole di lattosio in polvere :

Galati-na numero 1:

Non smembreremo la squadra, anzi con tre o quattro innesti saremo tra le squadre che si giocheranno i primi posti nel campionato. (Galati in più interviste ai media). Dopo la "ciucciata" della caramella, cronaca di ieri, incontro Galati- Capogna, il risultato è che stiamo perdendo Capogna (tecnicamente il giocatore più dotato in rosa), perché gli è stato proposto un decurtamento sostanzioso (30%) di uno stipendio appena decoroso.

Galati-na numero 2: La nuova società (Galati/Stocco) è in grado di fare da sola, non vogliamo soci che impongano la loro volontà sulla nostra (intervista davanti ai media nella presentazione della nuova società. Dispensata la caramellina, poi diventa di pubblico dominio la ricerca e gli incontri con nuovi soci papabili ad entrare in società o a gestirne delle parti. (Castella con interesse al settore giovanile da costruire).

Galati-na numero tre: In società ci sanno un team manager (Tridico) uno sponsor tecnico ( Zeta Sport) e il mio socio che detiene il 30% delle azioni Stocco. Paolo Cesana avrà un ruolo?? Cesana al momento rimane al suo posto per espletare i vari passaggi poi, prima della fine del campionato, prenderemo un decisione. (dichiarazione resa alla presentazione nuovo assetto societario). Dopo avere deglutito la caramellina si scopre che: Tridico circola al Lecco come un corpo estraneo solo nel pre o nel dopo gare, mai praticamente visto in altre circostanze tranne rarissimi casi. Zeta Sport che dovrebbe supplire nell'ottica della presidenza Galati alla figura del DS, in quanto i DS a dire di Galati fanno solo i loro interessi. Zeta Sport appunto dicevamo, allo stato dell'arte pare abbia fatto provare un paio di fenomeni con grande attitudine alla terza categoria. Cesana che a parte espletare passaggi di vario genere,poi fa esattamente quello che faceva prima e cioè un po' tutto, ma sopratutto in piena autonomia.

Galati-na numero 4: Il mio socio Stocco,che prima di tutto è un amico, avrà una funzione operativa che riguarda le varie manutenzioni : campo di calcio, spogliatoi,sede,ecc.ecc. Questo perché dice Galati avendo Stocco una società di servizi vari e pulizie è un tipo di attività che produrrà i servizi necessari alla Calcio Lecco. ( intervista presentazione alla stampa nuova società). Risultato della caramellina: In quella presentazione Stocco parlo non più di tre minuti, ribadendo il suo apporto per i servizi da erogare alla calcio Lecco. Peccato che nei mesi successivi non si sia mai visto una sola volta lui e nemmeno un dipendente della sua azienda.

Galati-na numero 5: Il presidente in più interviste audio e alla carta stampata, lamenta il fatto che non ci siano stati imprenditori locali o vicino al Lecco con cui societariamente porre in essere una collaborazione. "Ciucciatina"alla caramella e poi si scopre che invece ci sono e ci sono stati diversi personaggi che si sono interessati al Lecco sia come soci,che anche per rilevarne la totale proprietà. (Castella o il duo Bizzozzero/Radici). Pare anche che sia lo stesso Galati a muoversi verso altri perché entrino in società a vario titolo. Sotto questo profilo trapela un tentativo di coinvolgimento di un imprenditore legato al mondo dell'intrattenimento. Ma come? In fase di presentazione della società Galati ribadiva di non avere bisogno di nessuno. E allora? Un'altra Galati-na!!

Si potrebbe continuare a riempire pagine e pagine di esternazioni che però al riscontro della realtà, mostrano tutt'altro. Certo il sacchetto delle caramelline da dispensare è ancora bello pieno. Vedremo.

Ma una cosa ci ha fatto veramente arrabbiare, quando con una certa arroganza, il presidente parlando delle aspettative dei tifosi Blucelesti,ha dichiarato che vivono ancora nella storia, la serie A oppure la B e che devono svegliarsi rendendosi conto della realtà.

A Galati,vogliamo solo ricordare che guarda alla storia, chi nella storia ha avuto un ruolo. La storia del Lecco è conosciuta, la storia di Galati la stiamo conoscendo.

Quanto allo svegliarsi, non si preoccupi il presidente. A Lecco siamo svegli e operativi per natura e con tutto il rispetto non abbiamo bisogno di sermoncini Riccionesi.

Un invito,Galati usa spesso la terminologia: stiamo lavorando a"Fari Spenti", utilizzando parte del testo di una nota canzone del grande Lucio Battisti.

Anche noi amiamo molto Lucio…ma ci piace molto anche Mina e allora rispondiamo con il refrain di una sua canzone: Parole, parole, parole, parole soltanto parole, parole tra noi.

Condividi questo articolo sui Social
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in C3, BluCeleste in profondità