Seguici

Calcio Lecco 1912

Calcio Lecco, il regno del caos

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

Butti si, Butti no.
Per due giorni la Calcio Lecco è rimasta legata all’interrogativo sul possibile ritorno dell’ex allenatore dello scorso anno in veste di responsabile del settore giovanile.
Il presidente Galati aveva dato in fretta e in furia l’annuncio dell’accordo con il valmadrerese, che però ha subito diramato un comunicato ufficiale per smentire in maniera categorica una sua firma sul contratto sottopostogli dal numero uno del Lecco.
Il “pomo della discordia”? Una stretta di mano, che per Galati vale tanto quanto un contratto firmato, ma che, evidentemente, non ha la stessa valenza per l’allenatore.
Il settore giovanile dovrebbe essere affidato al trio Cosimo Savoia, Marco Conca e Daniele Tacchini, tutte vecchie conoscenze dell’ambiente bluceleste.

E’ solo l’ultimo episodio di confusione all’interno della Calcio Lecco 1912, che non conosce la parola tranquillità ormai da anni, visti i continui passaggi di mano ed il cronico problema di una soluzione che sembra non voler mai essere trovata in maniera definitiva.
Anche nella parte puramente tecnica della società si faticano a capire le mosse: Cotroneo ha dato una sua disponibilità di massima per una conferma, ma le possibili partenze di elementi come Mauri, Capogna e Romeo non lasciano per nulla tranquillo il trainer calabrese.
Allenatore che si è “bruciato” una grossa parte di credito dopo le parole su Castagna, accantonato ed obbligato a cercarsi una squadra per il prossimo anno.
Apprezzabile l’onestà, ma il giocatore-simbolo, bomber e capitano della squadra avrebbe meritato un altro tipo di trattamento. I tifosi, ovviamente, ne hanno già preso le parti.

Anche passando al lato economico la situazione non migliora: il pagamento dei rimborsi spese è fermo a gennaio e maggio, mese che lo stesso Galati aveva pubblicamente espresso come termine per il pagamento della mensilità di febbraio, sta per finire.
Diventa, anche per questo, difficile nutrire speranze di una conferma in blocco di tanti giocatori protagonisti dell’ultima stagione.
La nuova proprietà, inoltre, starebbe allargando i propri orizzonti per cercare qualche benefattore disposto a versare denaro fresco nelle dilaniate casse societarie, senza per questo dare in cambio una sorta di prelazione sull’eventuale vendita di quote societarie.

Galati, dal canto suo, continua a chiedere tempo e pazienza, quel tempo che scorre inesorabilmente da agosto 2012 senza che sia stato possibile intravedere una società solida e capace di rianimare una piazza delusa e con il morale sotto i tacchi dopo gli ultimi anni.
Quanto tempo le serve ancora, presidente?

Condividi questo articolo sui Social
.
.
.
.

Lecco Channel Web Radio

LECCO CHANNEL NEWS TV

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio Lecco 1912