Seguici

Calcio Lecco 1912

Calcio Lecco Cotroneo: “Questa settimana di riposo ci serve per recuperare gli infortunati”

Rocco Cotroneo
Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

Novità di giornata alla ripresa degli allenamenti, presso il centro sportivo comunale del Bione, è stato l’arrvio di alcuni giocatori, dei quali si è saputo ben poco se non che si tratta di attaccante croato del ’95, un portiere ed en argentino. Inoltre sembra che in settimana debba arrivare un bosniaco classe ’97, che al momento è aggregato alla nazionale U21 bosniaca.

Altro dato interessante del pomeriggio movimentato di oggi è stato il “Tutti a rapporto neglio spogliatoio” dettato da Mister Cotroneo che ha “catechizzato” la squadra per quasi un’ora prima dell’allenamento, prendendo lui stesso la parola e lasciando a “riposo comunicativo” i giocatori:
“Quando la squadra gioca più corta e compatta i risultati si vedono ed è stato il caso di domenica scorsa a Caravaggio. Purtroppo non abbiamo giocato così a Sondrio con Capogna, Rigamonti e Raiola anche per questo non ci siamo espressi al meglio. A Caravaggio eravamo sempre uno o due davanti alla palla e gli altri tutti dietro, mentre a Sondrio rimanevano tre sopra e tutto diventava più difficile”.

A Caravaggio per la prima volta non avete preso gol: “Il Caravaggio è una squadra molto ostica, come lo sono tutte quelle di serie D, questo è il livello del campionato. Loro, ad un certo punto, sono andati in difficoltà ed è lì che abbiamo piazzato i colpi vincenti”.

Quindi è una questione di tattica?: Non è una questione tanto tattica: se sei ordinato e se riesci ad essere in otto o nove dietro la palla. Adesso abbiamo questa settimana di riposo che serve a recuperare qualche infortunato, come Redaelli, Di Stefano, Baldo. Sono stati sette giorni in cui siamo stati molto sotto pressione che adesso sono venute meno e quindi ci potremo permettere un maggior lavoro fisico”.

Quindi lavorerete per non avere a corto di fiato a dieci minuti dalla fine?: “I fattori sono due. Il primo è una questione di testa, se sei più scarico giochi meglio. Il secondo fattore è che a Caravaggio non faceva così caldo e quindi si poteva recuperare prima. Altro dato interessante della partita di Caravaggio è stata la risposta dei giovani visto che avevamo in campo ben quattro del ’95, un ’96 e un ’94. Ripeto: abbiamo i giovani bravi, se seguono gli anziani”.

Condividi questo articolo sui Social
.
.
.
.

Lecco Channel Web Radio

LECCO CHANNEL NEWS TV

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio Lecco 1912