Seguici

Calcio Lecco 1912

Le ragioni della sconfitta del Lecco a Sesto

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 6 minuti

Se Pro Sesto – Lecco si fosse giocata mercoledì 1° aprile, una sconfitta del genere nei primi minuti si poteva pensare ad uno scherzo, al peggiore dei pesce di aprile che potesse capitare alla storia del Lecco, ma così non è stato perchè il Lecco ha perso una partita clamorosa in un tranquillo giovedì 2 aprile pre pasquale, in una splendida giornata di sole, con il contorno degli immancabili tifosi Blucelesti.

E’ vero che a Sesto il Lecco ha perso una battaglia, ma non la guerra per il primo posto di questo campionato, naturalmente con guerra e battaglia intesi nel senso calcistico, niente a che vedere con altri scenari ben più drammatici.

Il pareggio casalingo del Castiglione contro la Virtus Vecomp ci dice che anche la squadra di Mister Del Piano non naviga a gonfie vele, per di più dovrà affrontare una Castellana in crescita ed ha quel famoso turno di riposo da rispettare. Ci sarà poco da aspettarsi dallo scontro tra Castiglione e Seregnovisto che quest’ultima dopo la sconfitta interna contro il Lecco deve ormai considerarsi un relitto alla deriva, distrutto dalle peggiori battaglie e che non vede l’ora di arrivare nel porto della fine di questo campionato, lo testimoniano le quattro pappine che ha preso anche oggi.

Ma torniamo a parlare di quello che più ci interessa e cioè di questo Lecco che dopo 47 minuti di gioco e con un po di fortuna, leggi le due traverse simultanee di Chessa e Castagna, si apprestava ad andare negli spogliatoi sul due a zero. E invece eccoti qui la frittata con un’azione della Pro da gestire in tranquillità diventata invece scellerata per una serie continua di errori terminati con quello più clamoroso e cioè con la posizione completamente sbagliata di Pellegrinelli. Da quel momento il Lecco è sparito dal campo, ancora prima di entrare negli spogliatoi per il riposo.

Quello che fa rabbia, per chi ha assistito alla partita, è l’aver assistito a 45 minuti di completa assenza della squadra di Mister Cotroneo, in balia degli unici due giocatori che andavano marcati e cioè Chessa e Castagna, perchè il resto della Pro Sesto era veramente poca cosa a partire da una difesa a dir poco imbarazzante. E’ inutile alla fine prendersela con Castagna perchè chiamato dai tifosi della Pro sesto è andato sotto la curva della Pro a festeggiare. Il suo amore per il Lecco è limpido, cristallino e non sarà questo gesto a cambiarlo.

Voglio solo immaginare tale situazione a parti inverse e cioè che i tifosi del Lecco avessero chiamato un loro giocatore, dopo essere stato protagonista di una splendida vittoria, ma ex bandiera degli avversari, e questi non si fosse presentato sotto la curva dei tifosi Blucelesti. Apriti cielo.

Suvvia non nascondiamo la nostra delusione perchè Castagna ha festeggiato, la colpa non è sua, ma dobbiamo imparare a guardare in casa nostra e cosa hanno combinato oggi i nostri giocatori. Oggi a Sesto c’erano in campo due squadre con una montagna di punti di distacco in classifica, con i padroni di casa che lottavano per la salvezza ed il Lecco per il primato. Cosa è successo? La Pro è uscita festeggiando mentre il Lecco nel secondo tempo si è sciolto come la neve nel deserto.

Di chi è la colpa? Non è il momento di fare bilanci, sarebbe oltre modo deleterio ed inutile, mettere alla gogna tizio piuttosto che caio. Come detto all’inizio, la parola fine a questo campionato non è stata ancora scritta, però oggi è stata invece scritta una delle peggiori pagine della storia del Lecco.

Oggi a Sesto il Lecco ha avuto tra le mani il proprio destino, perchè in caso di vittoria si sarebbe portato a tre punti dal Castiglione, con la solita partita in meno e quindi non più costretto a guardare gli altri, ma a guardare se stesso, obiettivo che si è sempre cercato di raggiungere da molte giornate.

Così invece non è cambiato nulla, si dovrà sempre guardare naturalmente il Lecco, cosa più importante, ma con un orecchio indirizzato da un’altra parte, come ai tempi gloriosi di “Tutto il calcio minuto per minuto”, per sperare che il Castiglione incappi in una giornata come quella del Lecco a Sesto.

E’ vero che ad inizio del campionato l’attuale posizione del Lecco era un sogno, ma dopo tutte queste fatiche messe in campo da Società, staff tecnico e giocatori, ed il supporto dei tifosi, vedere che si è arrivati al punto in cui si può superare il proprio avversario proprio all’ultima curva prima dell’arrivo di un gran premio e sbagliare la curva, viene da mettersi le mani nei capelli.

Martedì Mister Cotroneo, prima del match di oggi, disse che quella di Sesto sarebbe stato l’ultimo match difficile di questo campionato, poi le squadre che si sarebbero incontrate, avendo poco da dire non avrebbero rappresentato dei grossi problemi. Ebbene avere la vittoria in mano e vedersela sfuggire in questo modo, un pò di preoccupazione ci viene.

Il problema grosso, quello che attanaglia più di tutti, è che a questo punto del campionato è chiaro che tutte le squadre, chi più chi meno, sono alla frutta, sono stanche, hanno poca benzina nel motore e devono dosare i giri per arrivare alla fine.

Quello che le fa andare avanti i giocatori è l’inerzia dei risultati positivi ottenuti, la grinta, la concentrazione, la saldezza di nervi dei giocatori esperti, la tenacia e lo spirito di sacrificio, tutti valori che possono soppiantare la stanchezza fisica. Ebbene sono proprio tutte queste cose che sono venute a mancare oggi. Quello che preoccupa della sconfitta di oggi non era la stanchezza palpabile dei giocatori, ma il fatto che vi è stato un crollo psicologico generale.

Da ultimo una annotazione non banale. Nel finale di partita Bizzozero ha accusato un lieve malore a causa dello stress del match. Questo la dice lunga su quanto questo uomo ci tenga al Lecco, quindi cari calciatori del Lecco è arrivato il momento di far provare qualcosa di importante e positivo al “Bizzo”, uno che è tanto e molto più tifoso del Lecco di molti lecchesi “doc”.

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio Lecco 1912