Seguici

Calcio Lecco 1912

Lecco: più di metà dei gol subiti nasce da errori, sviste e calci piazzati

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

C’è un dato che più di tutti esprime la fragilità difensiva del Lecco in questa stagione: il numero di gol subiti dalla squadra bluceleste su calcio piazzato, direttamente o dagli immediati sviluppi: 12 su 39, il 30%. Ma forse non è nemmeno il più lampante, perché ce ne sono 10 subiti su seconde palle o palloni persi al limite dell’area.
Questi due “scatti” della stagione del Lecco fotografano un problema che nei momenti cruciali – vedi i recenti ko con Sesto, Olginatese e Villafranca – ha fatto sbandare la squadra, facendole anche perdere quota. Ai blucelesti è mancato poco per vincere il campionato, e ciò che è mancato si può ricercare nei numeri prima citati, o meglio nella deconcentrazione che spesso ha portato a subire reti impossibili da incassare per una formazione che ambisce al salto di categoria. Se vogliamo, la differenza con il Castiglione è tutta qui: un’organizzazione difensiva perfetta per gli uomini di Alessio Delpiano, come dimostrato anche nella gara di ritorno al Rigamonti Ceppi quando imbrigliarono i blucelesti sullo 0-0.
Non basta avere un attacco atomico, con singoli del calibro di Capogna (15), Cardinio (15), Buonocunto (13), Rigamonti (10): 53 gol in quattro non si trovano in alcun altro campionato calcistico italiano, eppure non sono serviti a tornare in Lega Pro. Sia chiaro, il Lecco nel complesso ha disputato una buona stagione e il rendimento difensivo è andato migliorando con i mesi (lo dimostra comunque l’ottava posizione nella classifica delle migliori difese); resta però l’amarezza di avere sfiorato il traguardo e di averlo fallito nella maniera più assurda, proprio con i gol presi in partite assolutamente alla portata di Tignonsini e compagni. Come se i vecchi difetti fossero riemersi nel momento topico dell’anno.
Per compilare la statistica, abbiamo catalogato le reti in cinque etichette. Questo il riepilogo:

Da calcio piazzato (punizioni e corner) 12
Da azione 11
Da seconde palle o palle perse entro la trequarti 10
Su contropiede 3
Su rigore 3

Se si sommano punizioni e palloni persi, si ha un numero, 22 su 39, pari al 56% del totale. Significa che più di metà delle reti incassate quest’anno dal Lecco ha avuto origine da un pessimo posizionamento del reparto, da un uomo lasciato libero, o peggio da dormite generali e disattenzioni. Senza considerare i diversi gol subiti su cross a palla in movimento. Migliorando in questo, il Lecco avrebbe potuto davvero agganciare il Castiglione. Perché da sole, le giocate dei campioni non bastano.

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio Lecco 1912