Seguici

Senza categoria

Basket Lecco, la serie B si allontana: al momento probabile la cessione dei diritti o la ripartenza dalla C2

Basket Lecco Vs Montichiari
Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

Il futuro del Basket Lecco è un’incognita. A pochi giorni dal termine per le iscrizioni al campionato di serie B (3 luglio), la società bluceleste non sa ancora se vi parteciperà o meno. A livello percentuale, al momento è il meno probabile di tre scenari. Quali sono? Spieghiamolo subito: 1. Il Lecco rinuncia e chiede alla Fip di ripartire dalla C regionale; 2. Cede i diritti ad altre realtà che entrano in serie B al suo posto e la prima squadra riparte dalla Promozione; 3. Tutto rimane così con l’ingresso di nuovi soci al fianco del presidente Antonio Tallarita.

Fino a poche ore fa quest’ultima sembrava invece l’ipotesi più quotata. «Ho atteso invano, in questi giorni, le decisioni di un’azienda che si era detta disposta a sostenermi – spiega Tallarita – Significa che da parte loro non c’è reale interesse, è solo un tentativo di creare rumore all’interno del movimento cestistico». L’attesa è finita, la pazienza pure. Tallarita dichiara di non poter portare avanti con le proprie forze un impegno simile per un altro anno. Quindi o qualcuno scopre le carte a breve, oppure si andrà verso un sicuro ridimensionamento della prima squadra. Un salto all’indietro di quasi un decennio, cancellando in un attimo le due storiche promozioni.

«Però voglio essere chiaro – ha aggiunto il presidente – Non ho mai detto che lascerò il Lecco. A costo di ripartire dalla Promozione, io ci sarò. I ragazzini del settore giovanile, le sei squadre allestite, continueranno l’attività. Vuol dire che investiremo tutte le risorse nel vivaio. Purtroppo in questi giorni ho sentito molti commenti spiacevoli che mi hanno amareggiato, è come se non ci fosse interesse ad avere una squadra cittadina in serie B, l’importante è piuttosto avere un movimento in salute nel territorio».

Se ancora non si capisce chi possa entrare in società, è ben definito l’interesse di altre società a rilevare i diritti. «Mi hanno contattato due squadre del Piemonte, ma io ho preso tempo in attesa di una decisione definitiva. È chiaro però che i tempi sono ristretti, anche perché dobbiamo dare una risposta a coach Massimo Meneguzzo e ai giocatori. Non possiamo tenerli fermi, devono potersi organizzare. Se il Lecco non sarà più in B, dovranno cercare una nuova sistemazione».

Sono dunque ore febbrili per conoscere le sorti della squadra di basket della città. Serie D o Promozione significherebbero un grosso risparmio economico e la possibilità di investire tutto sul settore giovanile, ma a livello di immagine per lo sport lecchese sarebbe un grave danno, oltre che un peccato e l’ulteriore dimostrazione delle difficoltà dei nostri imprenditori a investire nelle squadre locali.

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Senza categoria