Seguici

Rugby

Il Rugby Lecco, a cena da Derflingher, raccoglie fondi per Cancro Primo Aiuto

Rugby Lecco Vs Rugby Grande Milano
Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 2 minuti

Una cena per solidarietà. Venerdì sera il Rugby Lecco si ritrova per celebrare i 40 anni dalla fondazione, e lo fa con un’iniziativa speciale: a Villa Lario, cucinerà per i blucelesti niente meno che Enrico Derflingher, star della gastronomia internazionale. Ma la cosa più importante è che tutto il ricavato andrà a sostenere Cancro Primo Aiuto e il suo progetto di acquisto di un’acceleratore lineare.
Presidente Stefano Gheza, festeggiate un avvenimento importante.
«Sì, questa è una delle iniziative da noi promosse. Nel week end ci sarà un torneo di rugby per i bar e abbiamo presentato anche un libro celebrativo dei 40 anni. Andremo avanti nei festeggiamenti sino a settembre».
La cena a Villa Lario è forse la più significativa fra le iniziative, perché puntate a raccogliere almeno 15mila euro per l’acceleratore.
«Questo macchinario costa 2 milioni e 400mila euro, tante iniziative come la nostra serviranno per acquistarlo. Bartesaghi, l’anima lecchese di Cancro Primo Aiuto, conta di chiudere il progetto in un anno».
Vi confermate attenti alle necessità del territorio e della città, non solo a livello sportivo.
«Le iniziative che lanciamo sono tante, vogliamo far passare il concetto che lo sport serve a educare, e quindi con i propri comportamenti trasmettere i valori più importanti come la solidarietà e l’aiuto a progetti decisamente più validi dell’attività sportiva. Queste iniziative, oltre a fare del bene, fanno pensare ai ragazzi che si può dare una mano a chi ha più bisogno di noi».
Sarà assessore allo Sport al Comune di Lecco. Potrà seguire da vicino la questione del Bione e delle strutture.
«Sì, a breve dovrebbe arrivare la nomina ufficiale. Monitoreremo la situazione insieme a tutte le realtà sportive che utilizzano le strutture comunali. La mia idea, riguardo il Bione, affonda le radici nella cultura anglosassone: un centro polifunzionale con una biblioteca, in cui i ragazzi affiliati alle società sportive possano praticare la loro disciplina e nell’arco del pomeriggio fermarsi a studiare, prima e dopo l’allenamento. In questo modo renderemmo più vivo il centro, con grandi effetti dal punto di vista educativo e sociale».

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Rugby