Seguici

Calcio Lecco 1912

Ritratti Blucelesti (9): Libero D’Onofrio, pochi minuti e tanta sfortuna

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

Uno dei tanti volti nuovi della stagione 2014-2015 della Calcio Lecco, Libero D’Onofrio, il quale però non è riuscito a lasciare il segno. La colpa è delle noie muscolari che lo hanno tenuto lontano dal rettangolo verde di gioco per larghissima parte della stagione. Il terzino/esterno alto sinistro ha collezionato solo 6 gettoni di presenza, di cui 5 nel girone d’andata: 2 volte sostituito all’intervallo, 2 volte subentrato dalla panchina e 1 sola volta presente in campo dal primo all’ultimo minuto di gioco. Nel girone di ritorno solo 1 presenza in casa col Villafranca, nella quale ha giocato per 75 minuti. Una stagione davvero sfortunata per D’Onofrio, come ha ricordato lui stesso nell’intervista che segue. Le poche presenze e minuti racimolati non ci permettono di dare un giusto giudizio sul giocatore, che abbiamo visto all’opera solo in poche circostanze.

Voto LCN: s.v.

Solita domanda sulla stagione appena trascorsa: buon secondo posto o titolo sprecato?

Credo che il secondo posto sia un ottimo risultato, contando anche che a inizio a stagione eravamo quasi tutti nuovi. Forse nell’ultimo periodo si poteva fare qualcosa di più, ma noi abbiamo dato davvero tutto. Abbiamo fatto il massimo visti anche i pochi rinforzi a gennaio.

Il calo della squadra è arrivato dopo Seregno. E’ stato quello il punto cruciale?

Sì, anche perché c’è gente che ha giocato sempre e non aveva il ricambio; penso ai vari Tignonsini, Capogna, Bugno, Vignali. Con i pochi cambi e giocando sempre gli stessi è normale che la stanchezza si faccia sentire. Inoltre alcuni come me e Baldo hanno avuto un’annata sfortunata, condizionata da diversi infortuni.

Oltre al calo fisico pensi che ci sia stato anche un calo mentale?

Io che ho vissuto lo spogliatoio posso assicurarti che abbiamo sempre cercato di stare sul pezzo, soprattutto quando vedevamo l’obiettivo a portata di mano. Non è facile sentirsi dire di aver perso apposta quando in realtà hai dato il 100 %. Le energie fisiche hanno indubbiamente fatto peso su quelle mentali. Il calo mentale è una conseguenza di quello fisico. E’ stato un peccato arrivare a un passo dal tagliare il nastro del traguardo e non esserci riusciti.

Due parole sul tuo futuro…

Al momento sto valutando diverse opportunità, tra le quali anche quella di scendere di categoria. A causa degli infortuni questa per me è stata una stagione molto complicata, non mi era mai successo di vivere un’annata simile. Ora vedremo quale sarà l’offerta più soddisfacente, certamente non dal punto di vista economico, ma dalle ambizioni della società. Sono disposto a scendere di categoria se c’è una squadra che punta a un campionato decoroso per tentare di risalire.

La sua scheda

Presenze: 6
Minuti giocati: 290
Gol: 0
Ammonizioni: 0
Espulsioni: 0

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio Lecco 1912