Seguici

Senza categoria

Fidejussione e sicurezza condannano il Lecco, come da nostra profezia

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 2 minuti

Eravamo stati buoni profeti. Purtroppo.

Lo scorso 28 giugno interpellammo l’avvocato Francesco Natale, esperto in ambito sportivo-civilistico, per avere un parere su quanto la Lega Pro e la Calcio Lecco 1912 fossero due entità compatibili.
Ci venne risposto con l’elenco dei problemi economici da risolvere, arcinoti, e con un altro appunto fatto alla sicurezza, passato sin qui praticamente inosservato.

“Per quanto concerne gli obblighi relativi all’iscrizione al Campionato di Lega Pro per la stagione 2016/17- scriveva Natale – occorre segnalare il termine del 20.06.2016 per la presentazione della dichiarazione relativa alla disponibilità dell’impianto sportivo, rilasciata dall’Ente proprietario dello stadio e, soprattutto, i contratti relativi all’attività di ticketing, controllo accessi e stewarding per la stagione 2016/17″. Ed è stato proprio questo problema a tagliare definitivamente le gambe al Lecco, già in fortissima difficoltà a causa della fideiussione da 350mila euro non presentata.

In breve, la concessione del “Rigamonti-Ceppi”, con tutto quello che ne consegue, è stata fatta dal Comune di Lecco alla Calcio Lecco 1912 S.p.A., mentre da due anni a questa parte la ragione sociale è stata variata in S.r.l., il che ha reso invalidi i documenti depositati a Firenze. Non è bastato il buon lavoro di Mandia per portare a termine le operazioni di cambio nominativo, proseguite anche per tutta la giornata di oggi: la Lega ProGravina hanno aperto il faldone, hanno detto “no” ed è un verdetto pressochè inappellabile.

Condividi questo articolo sui Social
.
.
.
.

Lecco Channel Web Radio

LECCO CHANNEL NEWS TV

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Senza categoria