Seguici

Calcio Lecco 1912

Colombo (Figc): «La Calcio Lecco paga gli errori di tutte le ultime gestioni»

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

«Una situazione spiacevole, che spezza il cuore. La colpa è di tutte le persone che si sono avvicendate alla guida negli ultimi anni, si sono accumulati troppi problemi».
Giovanni Colombo, presidente del comitato lecchese della Figc, non ha dubbi e rassicura: la Calcio Lecco potrà terminare la stagione sportiva, anche in caso di fallimento, ma sarà necessario che qualcuno si faccia carico del pesante fardello economico. Come a voler dire: le istituzioni faranno di tutto, regolamenti alla mano, per sostenere la società, ma si dovranno portare garanzie adeguate. Da chi, però, al momento non è dato sapere, dopo il rinvio dell’udienza per il caso Mancinelli e con una squadra sempre più abbandonata a se stessa.
«A me spiace veramente – spiega Colombo – come a ogni sportivo, di questa situazione della Calcio Lecco. È la somma di tutti gli errori commessi nel passato, senza puntare il dito contro nessuno in particolare. Dico solo che dispiace: io ho vissuto con Lorenzo Bodega sindaco e Antonio Pasinato la vicenda del 2002, quando riuscimmo a traghettarla dal niente all’Eccellenza. Una società gloriosa come la Calcio Lecco, anche se dalla Serie A e B sono passati tanti anni, è sempre stata amata da tutti. Dispiace anche di vedere il disamore del pubblico».
Quale può essere la via di salvezza?
«Io sono fiducioso, spero nell’esercizio provvisorio. Anche se la situazione è complessa, confido che si possa emulare quello che sta facendo una società nella nostre vicinanze, senza fare nomi (sull’altro ramo del lago? ndr), per arrivare alla fine del campionato. Sperando che qualcuno possa farsi carico dei debiti e progettare un futuro migliore».
In caso di asta fallimentare?
«Nel girone di ritorno, l’asta fallimentare non inficerebbe la stagione. Sono due piani diversi: il filone giudiziario per la Srl e il titolo sportivo che garantisce di terminare la stagione. Sperando che qualcuno si faccia avanti, sia chiaro, perché i debiti sono ingenti».
Questo fuori dal campo. All’interno, invece, cosa potrà accadere?
«La squadra ha tutti i numeri per non retrocedere, giocatori e allenatore, serve solo trovare un po’ di serenità. Sarebbe umiliante ripartire dall’Eccellenza, uno smacco per il Lecco. Sono convinto che si possa evitare anche questo».

Condividi questo articolo sui Social

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio Lecco 1912