Seguici

Calcio Lecco 1912

Calcio Lecco, Meregalli non molla: “Presentato progetto per l’esercizio provvisorio”

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

“Impegni personali iperimportanti mi hanno impedito di presenziare nella giornata ieri”, esordisce Sandro Meregalli di fronte ai cronisti giunti al “Rigamonti-Ceppi” per raccontare di quanto (tanto) sta accadendo alla Calcio Lecco 1912 in questi lunghi e concitati giorni. L’amministratore unico ha presenziato nella riunione con i giocatori, che gli hanno richiesto esplicitamente i moduli di svincolo e trasferimenti “concessi senza problemi – spiega – nel pieno rispetto della loro volontà.”

Poi, Meregalli entra a capofitto nell’intricato discorso societario: “C’è un progetto per richiedere l’esercizio provvisorio che speriamo venga accettato. Abbiamo inserito sponsor come garanzie entro dieci giorni. Siamo sui centomila euro per chiudere la stagione”. Nel caso in cui il passaggio venisse portato a termine, il Lecco proseguirebbe con “un gruppo giovane e due-tre elementi esperti che si sono offerti da Serie D ed Eccellenza“. Opzione che, senza mezzi termini, il pm Preterioti ha deciso di negare viste le garanzie economiche quasi nulle o addirittura mancanti che sono state presentate dall’avvocato Corengia nel faldone fatto pervenire al Giudice durante l’udienza di giovedì. Come abbiamo detto, il parere del magistrato non è vincolante, ma sicuramente verrà ascoltato dal collegio della Camera di Consiglio dell’ufficio fallimentare.

Solo sponsor, quindi, starebbero vagliando la situazione della Calcio Lecco, mentre “nessuna cordata si è interessata, mi hanno risposto ‘te set matt?’ (sei matto?, ndr)”, mentre la situazione di Mancinelli “mi era stata venduta da Bizzozero come sistemata alla pari di quella di Salvioni, con cui lo stesso Bizzozero aveva stretto accordi privati per la risoluzione. Da maggio a oggi è andato tutto storto, per incapacità mia e per altre cose: la Lega Pro avrebbe cambiato molte cose. Gonzaga e Battocchi? Hanno aiutato, aiutavano, poi hanno dato le dimissioni”. Già, poi capita di vedere il figlio di quest’ultimo tra i giocatori che si allenano sullo stesso manto erboso dove il padre ha portato la sua spocchia e la sua presunzione.

L’ottimismo di Meregalli presumibilmente non basterà a salvare una barca che sta velocemente affondando negli abissi sotto i colpi della malagestione perpetrata nel corso degli anni. Sicuramente non dal punto di vista sportivo, vista la Caporetto a cui tutti i tifosi stanno già mettendo di dover assistere contro il Ciliverghe Mazzano.

[hana-flv-player video=”http://www.leccochannel.tv/podcast/calcio_lecco/meregalli_02122016.MP3″ width=”400″ description=”” player=”5″ autoload=”true” autoplay=”false” loop=”false” autorewind=”true” splashimage=”https://www.leccochannelnews.it/lcn/wp-content/uploads/2016/12/articolo-sandro-meregalli.jpg” /]

Condividi questo articolo sui Social
.
.
.
.

Lecco Channel Web Radio

LECCO CHANNEL NEWS TV

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio Lecco 1912