Seguici

Pallanuoto

Arianna, presenza gentile fra i giganti della pallanuoto

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 2 minuti

Con la cuffietta sulla testa, nello sciabordio di un match di pallanuoto, non è facile accorgersene: i giocatori tendono a sembrare tutti uguali. Ma la Pallanuoto Lecco Sport Management, sulla fascia, in posizione 2 o 4, può schierare una dolce presenza in mezzo ai giganti.
Si tratta di Arianna Formenti, 21 anni, sorella del portiere della prima squadra Marco, che dallo scorso anno milita nell’Under 21 bluceleste ed è ormai è una veterana, essendo cresciuta nelle formazioni giovanili.
Come è nata la passione per la pallanuoto?
«Da bambina praticavo la ginnastica artistica, ma non ho continuato – spiega – Ho seguito un corso di nuoto, dopo di che, qualche anno fa, mio fratello mi ha chiesto di provare la pallanuoto. Mi è subito piaciuta».
Hai già una buona esperienza. Ma come ti vedono i compagni di squadra maschi?
«Ho militato prima nell’Under 18, in cui ero la più grande, e questa differenza di età si sentiva. Nell’Under 21 va molto meglio, siamo un gruppo affiatato. Comunque preferisco giocare con i maschi, sono meno “cattivi” delle ragazze!»
L’inizio stagionale non è stato travolgente.
«Abbiamo cambiato molti elementi e ci vuole un po’ di tempo. Sono sicura che alla fine faremo bene».
Il tuo obiettivo personale?
«L’anno scorso ho segnato due gol, quest’anno sono già a uno. Non manca tanto per migliorarmi… »
In futuro Arianna Formenti continuerà a giocare a pallanuoto?
«Spero di sì, vorrei arrivare in prima squadra. Ma soprattutto mi piacerebbe allestire una formazione femminile, anche se è quasi impossibile trovare giocatrici. Però è stimolante vedere, quest’anno, una manciata di ragazzine nelle Under 12 e 16».

Condividi questo articolo sui Social

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Pallanuoto