Seguici

Calcio Lecco 1912

Calcio Lecco, corsa e palle ferme per battere la Virtus Bolzano

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 2 minuti

4-3-3, corsa, aggressività e sfruttamento delle palle ferme. Ogni squadra che si rispetti ha bisogno di certezze su cui basare gioco e lavoro settimanale. Certezze che anche il Lecco sta pian piano trovando: Bertolini ha dato un assetto tattico pressochè definitivo alla squadra, salvo sfumature, conscio che in questo momento è necessario fare di necessità virtù soprattutto per fare “centro” nella porta avversaria.

Con Pro PatriaVirtus Bolzano sono arrivati due gol “da fermo”, nati da due dei tanti schemi che il tecnico prova durante la settimana. Situazioni che, come da lui ammesso, “portano a segnare tanto, lo dicono le statistiche e io ci credo molto“. Al netto dei problemi offensivi che affliggono la squadra, ancora priva di una prima punta di ruolo, anche le trame offensive iniziano a essere più incisive, con RonchiCaraffa che sono risultati essere tra i migliori in campo contro i trentini. Chissà che dalla lista degli svincolati non arrivi un altro aiuto a Bertolini, che potrebbe anche liberare Locatelli da compiti che al momento poco si addicono alle sue caratteristiche.

Passando alle altre due linee della squadra, non si possono non citare i netti miglioramenti di Karamoko, che su certi terreni di gioco fa la differenza, mentre ai suoi fianchi hanno svolto un lavoro ombroso ma utile CataldiCannataro, anche se quest’ultimo è ancora in ritardo di condizione. Infine, in difesa manca ancora un po’ di lucidità nel leggere i tagli alle spalle, ma lievita costantemente il livello di cattiveria nei contrasti: contro il Cavenago Fanfulla tornerà anche Dejori, che ha già capito di saperci fare in tal senso.

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio Lecco 1912