Seguici

Calcio Lecco 1912

Analisi tattica | Elasticità tattica e ‘tagli’: come il Lecco ha battuto il Cavenago Fanfulla

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 2 minuti

E’ uno scacchiere pressoché perfetto quello che Bertolini predispone in campo contro il Cavenago Fanfulla, conscio di non poter sbagliare né approccio né risultato. Primo tempo all’arrembaggio e ripresa in contenimento dell’avversario, come le squadre più mature sanno fare. “Bebeto” studia la gara e propone inizialmente una variante tattica molto interessante: slega Cataldi da compiti di pura interdizione e lo mette sulla trequarti nella moderna posizione di guastatore tra le linee.

Quantità e qualità per il 21enne romano, dai cui piedi parte l’azione che conduce Caraffa al tiro, Guerci alla respinta e Karamoko al tap-in facile facile per il vantaggio del Lecco. L’ex Bellaria gioca a tutto campo nella doppia fase, difeso dalle spalle dal duo Karamoko-Cannataro, che per caratteristiche è decisamente ben assortito. E anche i frequenti ‘tagli’ di Caraffa fanno male, molto male, alla difesa bianconera: per il classe ’98 ancora un giro ‘a secco’ dal punto di vista realizzativo, ma un’altra prestazione decisiva, supportata dai frequenti incitamenti del pubblico.

A supportare quanto detto c’è una difesa compatta centralmente e combattiva sugli esterni, con MalvestitiBenedetti in grado di lasciare non più delle briciole a OuarradSpiranelli, due elementi su cui Dossena puntava e non poco (è stato esonerato dopo la gara, ndr). E con un Salvatori in questo stato di forma, anche prendere gol diventa più difficile.

Da recuperare c’è Locatelli, che con il ruolo di finalizzatore fa non poca fatica a prendere confidenza. Le sue qualità da rifinitore si sono viste a metà primo tempo (splendido lancio ad imbeccare Caraffa, ndr), ma in quella posizione conta saper usare soprattutto la spada, più che il fioretto.

Condividi questo articolo sui Social

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio Lecco 1912