Seguici

Calcio Lecco 1912

Calcio, quando la ‘Talent Scout’ provò a comprare la Reggina

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

Non è la prima volta che la Talent Scout Italia Asd di Sante Squillace prova a comprare una nobile del calcio italiano. La società presieduta dall’insegnante Sante Squillace, lo ricordiamo, ha infatti manifestato due giorni or sono, per mezzo di un comunicato stampa, il suo interesse per la Calcio Lecco 1912. Nell’estate 2016, però, il sodalizio torinese ha tentato, con le stesse modalità, l’acquisizione all’asta la gloriosa Reggina Calcio Spa, che, al pari dei blucelesti, era stata dichiarata fallita (con concessione dell’esercizio provvisorio, ndr) dal locale tribunale.

Erano le 21:42 del 12 luglio 2016 (fonte ildispaccio.com, ndr) e l’associazione comunicò con queste parole il suo interesse formale: “La costituente Talent Scout Italia Asd con sede a Torino le comunica che ha manifestato con lettera pec c/o il Tribunale di Reggio di Calabria, l’interesse a rilevare la procedura fallimentare della Reggina Calcio 1914 con l’intenzione di far ripartire e ricominciare secondo i criteri sani e propositivi questa gloriosa società di calcio”.

L’interesse durò quattro giorni, giusto il tempo di visitare il (sequestrato causa abusivismo edilizio) centro sportivo di Sant’Agata. Nella serata del 16 luglio 2017, la Team Scout Italia, infatti, “comunica che:

  • Visto l’invito alla presentazione di offerte pervenuto a codesta associazione in data 14 Luglio 2016 dai curatori fallimentari inerente il procedimento fallimentare della Reggina Calcio S.p.a. ;
  • a seguito degl’incontro con uno dei responsabili della procedura dal quale si è appreso che matricola e affiliazione colori sociale etc. potrebbero non dipendere dall’acquisto della società ma da futuri accordi (esterni al procedimento) con la FIGC;
  • appreso che ci può essere il rischio di non poter iniziare il “PROGETTO Reggina Calcio 1986” per come proposto dalla scrivente, tanto che clausola fondamentale e condizione sine qua non della nostra offerta è proprio matricola ,affiliazione, storia, marchio, colori sociali e nome REGGINA CALCIO per poter iniziare ed operare nell’immediato e con una PRIMA SQUADRA (vedi proposta di acquisizione), 

RITENIAMO che, quanto sopra enunciato e l’ incertezza su ciò che si propone in locazione al Sant’AGATA (al momento solo i campi da giuoco? Vedi bando : “ferme restando le riserve allo stato esistenti in ordine a taluni beni oggetto di procedimento giudiziario/amministrativo in corso di definizione”) non ci permette di programmare in modo immediato e di raggiungere lo scopo per il quale ci siamo proposti alla città di Reggio Calabria.

Certi che il bene della Reggina Calcio è cosa comune a tutti i reggini della città e del mondo, ringraziamo per l’attenzione e salutiamo con un ARRIVEDERCI.”

A somme fatte è evidente che c’è più di un punto di contatto tra quanto successo a Reggio Calabria e il metodo con cui i torinesi si sono avvicinati al Lecco. Il finale nostrano è, ovviamente, ancora tutto da scrivere.

Condividi questo articolo sui Social
.
.
.
.

Lecco Channel Web Radio

LECCO CHANNEL NEWS TV

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio Lecco 1912