Seguici

Calcio

Calcio, Bertani a TMW Radio: “A Lecco per ripartire alla grande”

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 2 minuti

Da una sponda all’altra del Lago. Passato, presente e futuro di Cristian Bertani si sono intrecciati parecchie volte nel corso dell’ultimo anno: scaduta la squalifica, l’esperto attaccante è tornato a Como, squadra che l’ha lanciato nel calcio professionistico, per tornare a calcare i campi di calcio dopo quattro anni d’inattività. Un discreto anno, fatto di buone prestazioni e qualche gol (quattro, per la precisione), il caos totale che si vive sulla sponda occidentale del Lario, il ritorno al “Rigamonti-Ceppi”.

L’acquisto di Bertani, ufficializzato ieri dal ds Gizzarelli, ha nuovamente acceso i riflettori su di lui. Intervistato per la rubrica “Non solo serie A”, ha parlato per oltre venti minuti, toccando parecchi aspetti della sua carriera: “Il Lecco è un club importante con un grande pubblico. Ho avuto il piacere di allenarmi qui in passato, possiamo fare bene. Quest’anno c’è stato un doppio fallimento, a luglio in ritiro con la vecchia gestione e adesso con la moglie di Essien. Aveva comprato il Como a marzo, eppure adesso il club è proprio sparito da ogni campionato. Il club ha compiuto 110 anni, appena due anni fa era in Serie B. Non mi spiego come sia stato possibile far sparire una società del genere, è una storia che ha dell’incredibile. Ancora oggi non ci spieghiamo come tanti organi abbiano permesso una cosa del genere, vissuta dall’interno è una storia incredibile. Noi in campo siamo riusciti a mascherare le situazioni extracalcistiche, grazie a un gruppo fantastico. Le mancanze reali sono avvenute da quando è arrivato il gruppo della moglie di Essien, fino a quel momento abbiamo dimostrato di poter fare davvero bene in campionato. Ma la realtà è che non siamo stati tutelati, anche se siamo calciatori facciamo affidamento sullo stipendio per andare avanti. C’è un caos, ci sono ragazzi che hanno stipendi arretrati ma non c’è nessuno che ci chiami per dire come muoverci e cosa fare. Ogni personaggio, poi, dice una cosa diversa dall’altro. È una situazione assurda.”

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio