Seguici

Basket

Fracassa si scopre vice: «Olginate, devi avere continuità per quaranta minuti»

foto roster basket olginate
Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 2 minuti

Arturo Fracassa è nello staff di coach Galli. «Esperienza positiva, posso crescere». Domenica a Desio: «Non dobbiamo fallire»

È un’icona del basket lecchese, dentro e fuori dal campo. E dopo una lunghissima carriera da giocatore, ha scelto di cominciare quella di allenatore tra i Senior. Con ottime sensazioni.

Arturo Fracassa vive l’esperienza di assistant coach a Olginate. Lavora spalla a spalla con Alessandro Galli, in un palcoscenico prestigioso come la Serie B. «Sono molto contento di come sta andando – spiega Fracassa a LCN – Galli è un tecnico preparato e un’ottima persona, mi coinvolge molto durante l’allenamento, facendomi curare di volta in volta la fase difensiva o quella offensiva. Il vice è un ruolo delicato, il trait-d’union tra staff e squadra, mi piace parecchio. Ho masticato tanto basket in vita mia, anche allenando i ragazzini, ma questa è un’ulteriore occasione di crescita».

Due punti in tre partite. Come valutare l’avvio di stagione della Np Olginate?
«Se pensiamo che dobbiamo salvarci, siamo partiti bene. Ma riguardando le sconfitte con Bernareggio e Vicenza c’è rammarico. Potremmo avere sei punti. Penso che stiamo pagando lo scotto del salto di categoria. Abbiamo le risorse per fare bene in questa Serie B, ci sta mancando intensità dal punto di vista fisico e mentale per tutti i quaranta minuti. Con Coach Galli stiamo lavorando proprio su questo aspetto: restare attaccati alla partita dall’inizio alla fine».

Sconfitte che, però, potranno essere utili per crescere.
«Riguardando il match con Vicenza, squadra molto forte, è evidente quanto loro non abbiano mai abbassato il livello, fossero avanti o indietro nel punteggio. Non sono mai calati di intensità, altrimenti in questa categoria subisci break decisivi».

Domenica (h 18) trasferta a Desio, contro una formazione ancora a zero punti, che però nasconde l’asso in panchina.
«Trasferta delicata. Palestra piccolina, con tanto tifo, e squadra a caccia di punti per la salvezza. È uno scontro diretto. Nei singoli probabilmente siamo più forti, ma se le lasciamo prendere l’iniziativa diventa fastidiosa. È allenata da Fabrizio Frates, coach di Serie A che non ha bisogno di presentazioni. Dobbiamo stare sul pezzo, questa partita e la prossima con Palermo sono da portare a casa per iniziare a strutturare la nostra classifica».

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Basket