Seguici

Basket

Basket Lecco, le perle dei quattro anni di gestione Meneguzzo

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 4 minuti

In stagione regolare o ai play-off, negli ultimi quattro campionati di Serie B spiccano alcuni momenti indimenticabili: li ricordiamo insieme

Quattro anni di grandi emozioni. Gioie, dolori, imprese, sofferenze. C’è di tutto nelle quattro stagioni in cui Massimo Meneguzzo ha guidato il Basket Lecco. Abbiamo così riassunto alcuni frangenti indimenticabili della sua gestione, i famigerati “Meneguzzo moments” che resteranno impressi nella memoria anche ora che le strade del tecnico e del club bluceleste si sono separate.

Cento violata due volte

Uno dei più emozionanti si verifica al primo anno, stagione 2014/15. Lecco va ai play-off da ottava testa di serie e nei quarti di finale elimina Cento, prima durante la stagione regolare. Fantastiche le due vittorie in trasferta, 79-85 e 73-86, a gelare le ambizioni della corazzata centese. La squadra bluceleste cederà poi in semifinale a Montichiari.

Eloquente il commento di Meneguzzo riguardo queste due imprese. «Cento non aveva mai perso in casa, le due vittorie giunsero inaspettate. Avevamo patito l’infortunio di “Shaggy” Negri e la squadra si era coesa dopo l’arrivo di Andreaus. Furono due partite perfette, c’è ancora chi le guarda oggi perché non sbagliammo praticamente nulla».

Sempre in quella stagione, indimenticabile resterà proprio la vittoria a Montichiari (69-72) prima di Natale, con il canestro allo scadere di Farinatti che poco dopo lascerà Lecco per dedicarsi agli studi di ingegneria nucleare.

Mascherpa! E Bergamo cade

Campionato di Serie B 2015/16, scampoli finali di regular season. L’avversaria è Bergamo, in terra orobica: i ragazzi di Meneguzzo passano 55-57 con una tripla di Mascherpa. Bergamo sarà, tre mesi più tardi, rivale nei play-off e si aggiudicherà la serie 2-1. A rendere più dolce la stagione il titolo Under 20 conquistato da alcuni giovani blucelesti in maglia Cantù.

Capolavoro a San Miniato per “guadagnarsi” Bergamo

La stagione 2016/17, terza di Meneguzzo, vede il Lecco piazzarsi nuovamente al sesto posto. La prima perla dei play-off è a San Miniato, in Gara 3: i blucelesti, che al Bione hanno riportato la serie in parità, vincono 69-82 e si meritano la semifinale contro Bergamo.

La Comark è una corazzata destinata a salire in A2. Lecco lotta e riesce ad allungare la serie alla quarta partita. In un venerdì sera, al Bione Balanzoni e compagni strappano un 77-70 di forza, orgoglio e qualità. Non servirà a passare il turno, ma è indubbiamente un momento difficile da cancellare.

Reazioni ai momenti difficili

Veniamo ai giorni più recenti. In questa sofferta stagione si segnalano tre momenti, tutti in stagione regolare, tutti generati da reazioni nervose alle difficoltà e ai mille infortuni patiti. Il primo contro Piacenza, seconda giornata: a sette giorni dal ko di Rimini in cui è stato costretto a schierare l’Under 20, il Lecco infligge una delle sconfitte più pesanti dell’anno agli emiliani (95-73) che ora lottano per un posto in A2.

Di grande valore anche i successi su Padova e Desio nella parte conclusiva del campionato, con una manciata di giocatori disponibili e un cuore enorme, in fondo l’eredità più grande dei “Meneguzzo moments”.

 

 

 

 

Condividi questo articolo sui Social
.
.
.
.

Lecco Channel Web Radio

LECCO CHANNEL NEWS TV

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Basket