Seguici

Calcio

Manca la fidejussione, respinta la domanda di ripescaggio del Como

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 4 minuti

Come nelle previsioni, la Figc rigetta l’istanza. La società lariana ricorrerà al Coni. Stessa sorte per il Prato, via libera alla Juventus B

È arrivata l’ufficialità: la domanda di ripescaggio in Serie C del Como, come da più parti era stato ventilato nei giorni scorsi, è stata respinta.

La dirigenza del club lariano, in assenza di una fidejussione, aveva predisposto un bonifico, prassi non consentita. Il Como ha annunciato comunque la volontà di fare ricorso al Collegio di Garanzia dello Sport del Coni. La Figc ha rifiutato la domanda del Prato. Sono state ammesse Imolese, Juventus B e Cavese.

Al momento, dunque, il Como rimane dov’è, in Serie D, la stessa categoria del Lecco. E chissà se ancora una volta in due differenti gironi.

Il testo del comunicato Figc

COMUNICATO UFFICIALE N. 43
Il Commissario Straordinario
– esaminata la domanda di integrazione dell’organico del Campionato di Serie C 2018/2019, presentata dalla Società Como 1907 S.r.l.;
– visti i Comunicati Ufficiali n. 50 del 24 maggio 2018, n. 56 del 30 maggio 2018, n. 19 del 18 luglio 2018;
– esaminata la relazione in data 31 luglio 2018, che riporta le risultanze della istruttoria svolta dalla Commissione Criteri Infrastrutturali e Sportivi – Organizzativi sulla predetta società in ordine alla verifica degli adempimenti prescritti dal Comunicato Ufficiale n. 19 del 18 luglio 2018, ai fini della integrazione dell’organico del Campionato Serie C, Stagione Sportiva 2018/2019;
– esaminata la relazione in data 2 agosto 2018, che riporta le risultanze della istruttoria svolta dalla Co.Vi.So.C. sulla predetta società in ordine alla verifica degli adempimenti prescritti dal Comunicato Ufficiale n. 19 del 18 luglio 2018, ai fini della integrazione dell’organico del Campionato Serie C 2018/2019;
– tenuto conto che la Co.Vi.So.C. ha rilevato, per le ragioni specificate nella suddetta relazione, che la società Como 1907 S.r.l. non ha soddisfatto nel termine perentorio del 27 luglio 2018 stabilito dal Comunicato Ufficiale n. 19 del 18 luglio 2018 il requisito concernente il deposito delle due garanzie a prima richiesta prescritto dal medesimo Comunicato Ufficiale;
– considerato che, alla luce delle verifiche effettuate, la società sopra indicata non ha soddisfatto tutti i requisiti all’uopo prescritti per i motivi specificati nella relazione del 2 agosto 2018 della Co.Vi.So.C. che costituisce, unitamente alla relazione della Commissione Criteri Infrastrutturali e Sportivi – Organizzativi del 31 luglio 2018, parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
– visto l’art. 27 dello Statuto Federale
delibera
di respingere per le motivazioni di cui in premessa la domanda presentata, ai sensi del Comunicato Ufficiale n. 19 del 18 luglio 2018, dalla società Como 1907 S.r.l.;
dispone
che gli uffici della Federazione e la Lega Italiana Calcio Professionistico restituiscano alla predetta società ogni documento allegato alla domanda di integrazione dell’organico del Campionato Serie C 2018/2019.
Il presente provvedimento è impugnabile innanzi al Collegio di Garanzia dello Sport presso il Coni, nei termini e con le modalità previste dell’apposito regolamento, emanato ai sensi dell’art. 54 del Codice di Giustizia Sportiva del Coni.

Condividi questo articolo sui Social
.
.
.
.

Lecco Channel Web Radio

LECCO CHANNEL NEWS TV

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio