Seguici

Biliardo

È Paolo Marcolin il re del terzo Meeting internazionale

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

Battuto Gargiulo in finale. Grande successo tecnico e di seguito, anche in streaming su YouTube. Riviera: «Pensiamo già al 2020, l’idea è un torneo a squadre»

Si è concluso domenica a Mandello il terzo Meeting internazionale di biliardo organizzato dal club “La Dolce Vita“. A trionfare è stato uno dei favoriti della vigilia, Paolo Marcolin, che in finale ha battuto Sebastiano Gargiulo per due partite a zero. Terzo Francesco Fattini, unico nei 16 finalisti di Prima categoria, quarto Michele Cosci.

Due settimane molto intense, quelle andate in scena sui tavoli mandellesi gestiti da Stefano ed Emanuele Lo Coco, per un torneo che ha visto ai nastri di partenza ben 160 giocatori, suddivisi in una prima fase a gironi all’italiana e in una seconda a eliminazione diretta dai trentaduesimi di finale, con i primi due turni in gara singola ai 120 punti e i restanti al meglio delle tre partite ai 60 punti.

«È stato un successo – spiega il direttore del torneo Maurizio Riviera – C’è stato grande interesse, tra i 50 e i 60 giocatori d’Eccellenza, molti stranieri, anche i Seconda e Terza categoria hanno combattutto sino all’ultimo tiro per avanzare. Tutti hanno onorato la formula di gioco. Una delle grandi novità di quest’anno è stata la diretta streaming sul canale YouTube della Fibis, che ha registrato una media di 600 contatti a partita, con punte fino a 2.500 per le fasi finali. Questa idea si è confermata azzeccata e ha portato lustro al regista Michele Bianchi , ai commentatori Nicola Biondi e Gianluca Nascimbene e naturalmente alla Dolce Vita. Ulteriore soddisfazione è avere avuto a fianco a me Gabrio Volante, vicepresidente nazionale Fibis e vicepresidente della Confederazione europea del biliardo, e Stefano Gibertoni, presidente Fibis Lombardia. La loro presenza ha sancito l’importanza del Meeting nel calendario internazionale».

Gli organizzatori non si fermano alla gratificazione di questa edizione, e già pensano al quarto Meeting del 2020. «Abbiamo proposto di trasformarlo in un torneo a squadre di club, almeno 16 di cui metà straniere, dedicandolo alla memoria del compianto giocatore tedesco Gerd Kunz, che giocò qui da noi nel 2014 lasciando un grandissimo ricordo, con formula uguale ai Campionati europei».

 

Condividi questo articolo sui Social
.
.
.
.

Lecco Channel Web Radio

LECCO CHANNEL NEWS TV

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Biliardo