Seguici

Altro

Perchè mi fanno male i muscoli dopo l’attività fisica?

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

E’ una condizione normale sentire dolore, fastidio o sensazione di bruciore dopo l’attività fisica intensa. Questi sintomi vengono definiti scientificamente con la sigla “DOMS”.

Cosa sono i “DOMS”?

Per DOMS (Delayed Onset Muscle Soreness) si intende dolenzia muscolare a insorgenza ritardata che compare dopo circa 24/48 ore da un’attività fisica intensa.

Spesso si pensa che il dolore ai muscoli post attività sia imputabile alla presenza di acido lattico nei tessuti muscolari, in realtà numerosi studi hanno dimostrato come l’acido lattico venga riassorbito dal nostro corpo nel giro di pochissime ore subito successive allo sforzo.

La sensazione fastidiosa che si prova nei giorni successivi alla pratica sportiva è quindi da imputare ai DOMS.

Questo fenomeno è causato da delle fisiologiche microlacerazioni che subiscono le fibre muscolari durante l’allenamento. Non è una situazione pericolosa né c’è alcun motivo di preoccuparsi, perché è una reazione normale e si recupera nel giro di qualche giorno. E’ importante sapere che non esiste correlazione tra il danno fisiologico delle fibre muscolari e l’intensità del dolore.

Come gestire i “DOMS”?

Non  esiste una vera e propria soluzione per impedire la comparsa dei Doms. In letteratura scientifica possiamo trovare alcuni consigli preventivi:

esposizione graduale ai carichi durante attività fisica

riscaldamento specifico prima di ogni pratica sportiva

stretching dinamico prima della pratica sportiva e stretching statico dopo o a distanza dalla performance

Per accelerare i tempi di guarigione è utile:

  • Massaggio sportivo per aumentare in maniera importante la circolazione sanguigna e di conseguenza l’apporto di ossigeno ai muscoli
  • Trattamento fasciale che può essere eseguito manualmente da un fisioterapista o in maniera autonoma dalla persona utilizzando come strumento i cosiddetti “fascial roll” che esistono in commercio
  • Esistono alcuni elettromedicali di ultima generazione (come ad esempio “Limfa Therapy”) che attraverso l’invio di informazioni specifiche alle cellule tramite campi magneto-elettrici è in grado di accelerare la guarigione e l’auto-riparazione delle microlesioni.

In ogni caso la soluzione migliore  è rivolgersi a persone competenti, laureate e che hanno le capacità di prendere in carico gestire la persona mettendo in atto un programma di prevenzione e cura il più specifico e personalizzato possibile, evitando complicazioni che potrebbero scaturire da un trattamento non corretto.

Affidati all’esperienza dei professionisti di MedinMove, come già tante persone hanno fatto ed hanno trovato soluzioni veloci ed efficaci ai loro problemi.

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Altro