Seguici

Basket

Basket Lecco, che disastro: scompare all’improvviso e trionfa Reggio Emilia

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

Una sconfitta bruciante, che fa male alla classifica e al morale. Il Basket Lecco getta alle ortiche la vittoria e nel giorno dell’Epifania nella calza trova il carbone

Al Bione a gioire è la Bmr Reggio Emilia, una squadra apparsa inferiore sotto molti aspetti, ma che ha avuto il merito di crederci sino alla fine mentre i blucelesti, avanti per tre quarti abbondanti, si sono lasciati irrigidire dalla paura, senza trovare il killer instinct necessario a chiudere i match in cui il gap è evidente.

Inizio frenato, poi è controllo

L’inizio del match non è propriamente esaltante. Fioccano gli errori da entrambe le parti, le percentuali sono basse, Lecco perde diverse palle sanguinose ma gli ospiti in campo aperto non ne approfittano. Il risultato rimane a lungo ancorato sull’8-6, con i blucelesti sempre avanti. Lecco va sul +6 ma è prontamente riavvicinata. Finale di quarto sospinto da un ottimo Rattalino nel pitturato: 18-10.

Nel secondo periodo è la cattiveria agonistica di Marinello a guidare il primo break importante. Coach Antonio Paternoster trova risposte preziose da Rattalino e Chinellato, che entra bene in campo. Il vantaggio sale a +11. I lunghi rispondono presente sotto le plance in attacco, sale anche l’intensità. La differenza in campo c’è e si vede. La tripla di Zampogna a 1’30” dall’intervallo accorcia al -13 ma a fine tempo il vantaggio è rassicurante: 37-24.

L’inizio ripresa somiglia da vicino all’avvio di gara: attacchi frenati e poche idee. La tripla di Gatto al 23′ e il sottomano di Marchetti segnano il break ospite per il 37-33. È ancora Marinello, da tre, a sbloccare il Lecco, poi la fiammata diventa corale e Caceres sale in cattedra attaccando il canestro con lucidità. Reggio è tutta nelle triple di Crusca, tre consecutive, per il tentativo di rientro immediatamente stoppato da due bombe dello stesso Caceres: 54-48 al 30′.

La luce si spegne

Gli ultimi dieci minuti si aprono con Reggio a mettere sul parquet maggiore convinzione e percentuali più alte. Lecco, con un quintetto “piccolo”, fatica ad attaccare la difesa emiliana. Gli ospiti si riportano a – 1 al 34′ (56-55) con la tripla di Zampogna e sprecano le opportunità di sorpasso su un paio di possessi buttati via dai padroni di casa. Gatto dalla lunetta segna il primo vantaggio ospite con 6′ ancora da giocare. Crusca allunga, Lecco è in panico e affretta le soluzioni. È Rattalino a tenere i suoi dentro il match. La fiammella bluceleste, però, va spegnendosi.

Bertocco ai liberi porta Reggio Emilia sul +4, il cronometro segna 58″, Paternoster chiama timeout. Palla persa, Germani di fatto la chiude e a Marinello viene fischiato antisportivo. Finisce 66-74 sotto gli occhi di un pubblico attonito.

A fine match volti tirati in casa lecchese, disertata la conferenza stampa. Molto contrariato il presidente Antonio Tallarita, che ha seguito gli ultimi minuti passeggiando nervosamente in cima alla tribuna.

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Basket