Seguici

Volley

Sabato lo storico derby di B2: Mandello per stupire, Olginate per il riscatto

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 4 minuti

Le due formazioni, reduci da risultati opposti, si affrontano per la prima volta in un campionato nazionale

Sabato sera alle ore 21 il palazzetto di Pra’ Magno a Mandello ospiterà il primo storico derby di Serie B2 tra la squadra di casa, la Cartiera dell’Adda, e la Elevationshop.com Crai Olginate.

Olginate, guidata da coach Ivan Iosi, arriva a questo importante appuntamento al settimo posto della classifica del Girone B di B2 con 17 punti in 11 giornate frutto di 5 vittorie e 6 sconfitte di cui 3 al tie-break. Il quoziente punti è di 0.9372.

Il Mandello di coach Daniele Valsecchi ha espugnato Genova agganciando la quota salvezza attuale, 13 punti, con 4 vittorie e 7 sconfitte (una al tie-break). Per le mandellesi il quoziente punti è di 0.9762.

Valsecchi: «Dovremo mettere in campo tanto cuore»

Coach Valsecchi, il momento per voi è senza dubbio positivo.

«Al derby arriviamo con qualche acciaccata (Maresi e Riva influenzate, Bertocchi problema al ginocchio, ndr). La vittoria di Genova è stata importante perché era uno scontro diretto fuori casa e sopratutto dopo la sosta. Purtroppo la classifica non è cambiata molto, ma sicuramente arrivare alla sfida con un’avversaria molto più quotata con alle spalle un risultato positivo è cosa positiva».

Cosa teme più di una rivale forte come Olginate?

«Di Olginate temo i fondamentali nei quali la loro fisicità e la loro esperienza in campionati di B2 e categorie addirittura superiori si fanno sentire: attacco, muro e battuta».

Ha disegnato nella sua mente un certo tipo di match?

«Mi aspetto una partita nella quale noi dovremo metterci tanto cuore per colmare il gap con loro e sono sicuro che saremo sostenuti da una bella cornice di pubblico».

Iosi: «Siamo pronti: ci servirà qualità»

Coach Iosi, Olginate arriva al derby reduce dal ko al tie-break con Lemen, che ha lasciato amarezza ma anche tanta convinzione.

«La sconfitta, se vogliamo, era in linea con i parametri. Lemen riacquisiva due o tre giocatrici assenti prima della pausa, rimettendo in campo la rosa titolare: eravamo consci delle insidie che quel match avrebbe comportato. Sapevamo che rientrando dopo la sosta avremmo avuto qualche difficoltà. È un peccato perché il successo è sfumato per poco, ma sappiamo che è un ulteriore passo avanti».

Cosa teme di più di Mandello?

«Conosco bene Daniele e il suo vice Simone, fra le ragazze ne conosco qualcuna. Sicuramente, data la sosta di tre settimane, avremmo preferito che il derby fosse arrivato un po’ più tardi, ma abbiamo lavorato bene e ci siamo preparati bene. Non abbiamo infortuni, metteremo in campo tutte le nostre qualità e i requisiti per giocarcela».

Che tipo di partita si aspetta?

«Il campo di Mandello è un po’ ostico, difficile, sia perché loro esprimono qualcosa in più in casa sia perché sono un gruppo in crescita. Sicuramente è un momento molto positivo per loro, noi sappiamo che quando riusciamo a giocare con i nostri equilibri possiamo essere competitivi con tutti».

Condividi questo articolo sui Social
.
.
.
.

Lecco Channel Web Radio

LECCO CHANNEL NEWS TV

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Volley