Seguici

Calcio

Pagelle | Dragoni e Moleri, re delle seconde palle. Gaburro, hai avuto ragione tu

Marco Moleri: cuore, anima e polmoni della Calcio Lecco 1912
Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

Calcio Lecco 1912 voto 7: non era facile vincere con questa autorità sul campo del Bra. Successo fondamentale e ottenuto da squadra che ha sempre più coscienza di quali sono i suoi mezzi.

Safarikas 6: gestisce bene le palle alte e a inizio gara salva in uscita bassa, ma sulla punizione di D’Antoni lui (194cm) può fare meglio. Gli concediamo l’attenuante della forte botta ricevuta in avvio.

Magonara 6: ricollocato sulla sua fascia naturale, non affonda nonostante venga preso spesso in due contro uno.

Merli Sala 6: si prende carico della marcatura di D’Antoni, cercando (e prendendo) praticamente ogni palla alta che passa dalle sue parti. E’ sua la colpa, però, quando Tettamanti ha la palla per mandare in porta Casolla.

Malgrati 6,5: dove non arriva Merli Sala, c’è sempre la presenza del capitano.

Samake 6,5: due-discese-due sull’altro lato del campo (e da una nasce l’angolo che porta al raddoppio) e tanta sostanza in fase difensiva.

Segato 6,5: fa un po’ da libero e un po’ da metronomo, verticalizzando praticamente ogni volta che ha il pallone tra i piedi. Dal suo piede parte la palla che Vai trasforma in oro.

Dragoni 7: prende tutte le palle alte che passano dalle sue parti e si fa trovare pronto su ogni sfera sporca, compresa quella che scaraventa in porta.

Moleri 7: l’altro uomo delle seconde palle. Se c’è una mischia delle sue parti, state pur certi che ne uscirà vincitore.

Lisai 6,5: quantità e qualità, coperture e allunghi palla al piede. La sua capacità di fare la doppia fase è clamorosa.

Fall 6,5: gioca con la bronchite, sbaglia alcuni palloni facili, ma negli ultimi 25 metri trova il modo di segnalarsi più volte.

D’Anna 6,5: idem come sopra (malanni a parte); quando vede la porta, raramente non la coglie con una delle sue conclusioni.

Napoli 6: uno spezzone di gara che interpreta con tensione, voglia e qualità.

Vai 7: entra, segna, lotta. Il tutto con una maturità sorprendente. Un vero jolly.

All. Gaburro 7: rinuncia a Pedrocchi e all’effettuare tre cambi, portando fino in fondo nove undicesimi della formazione iniziale. Il Lecco vince e vola a dieci punti di vantaggio. Ha avuto ragione su tutta la linea.

Bra 6: tanta volontà e discreta qualità, ma quando si spegne (e si fa espellere) Tettamanti, il tutto si traduce in foga.

Bonofiglio 6; Quitadamo 6 (dal 33′ s.t. Giglio 6), Barale 5,5, Rossi 6, Sana 6,5; De Santi 5,5 (dal 14′ s.t. Petracca 5,5), Dolce 6,5, Tuzza 5 (dal 33′ s.t. Vergnano 6); Tettamanti 5,5; Casolla 5, D’Antoni 6,5. All. Fabrizio Daidola 5.

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio