Seguici

Basket

Basket Lecco-Np Olginate: dieci motivi per non mancare al derby

Il derby dello scorso anno fra Lecco e Olginate al Bione
Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 4 minuti

Domenica alle ore 18 al Bione la sfida tra blucelesti e biancoblu, la quarta in Serie B: ecco dieci motivi di interesse per non perdersi l’appuntamento

1 – La rincorsa play-off del Lecco. La squadra bluceleste è chiamata a difendere l’ottavo posto dall’attacco di diverse formazioni, cercando di non perdere ulteriore terreno dalle due che, a sette giornate dalla fine della stagione regolare, la precedono.

2 – La rincorsa salvezza di Olginate. Evitare i play-out. Missione non semplice per la Npo. Servono almeno quattro vittorie in questo rush finale: prenderne una al Bione costituirebbe una sorta di “bonus” importantissimo.

3 – La superiorità negli scontri diretti. Le due squadre si sono affrontate in tutto tre volte, da quando entrambe militano in Serie B. I primi due incroci nella stagione scorsa, 2017/18: Gordon Nuova Pall. Olginate-Gimar Basket Lecco 66-87, Gimar Basket Lecco-Gordon Nuova Pall. Olginate 56-76. Andata del campionato 2018/19: Gordon Nuova Pall. Olginate Gimar Basket Lecco 55-66. Attualmente il bilancio dice 2-1 Lecco, ogni volta con vittoria della squadra in trasferta. Olginate può pareggiare, i blucelesti sfatare il tabù casalingo nella serie.

La classifica del Girone B di Serie B

4 – Il ritorno di Massimo Meneguzzo al Bione. Quattro anni su quella panchina non si cancellano. Il coach tornerà nel palazzetto per la prima volta da avversario del Lecco. Le emozioni, anche se non lo darà a vedere, si faranno sentire, insieme alla voglia di prendersi due punti pesanti e riscattare la sconfitta dell’andata.

5 – L’esordio di coach Bartocci. Prima partita ufficiale per il tecnico chiamato dal presidente Tallarita per guidare la squadra nel dopo-Gandini (che già seguiva il dopo-Paternoster). Un allenatore esperto, navigato, che ben conosce le atmosfere e le sfumature mentali di un derby.

6 – Curiosità sul gioco proposto da Lecco. Dopo l’arrivo di Bartocci, gli addetti ai lavori si interrogano su quale tipo di gioco proporrà la squadra bluceleste, e se ci sarà una evidente discontinuità con il recente passato. In questo senso, qualche elemento utile arriva dalle recenti dichiarazioni dell’allenatore.

7 – Spera scaccia i “fantasmi”. Non è solo un ex di quelli “pesanti”. Gaetano Spera lo scorso anno, nel derby di ritorno, fu vittima di un grave infortunio (nella foto) che pose fine alla su stagione e forse alle speranze del Basket Lecco di fare strada nei play-off. Il lungo ora veste la canotta biancoblu. Partita carica di significati per lui, che all’andata non era ancora presente.

8 – La storica rivalità fra le due società. Inutile negarlo: fra le due società c’è una sana rivalità sportiva che è cresciuta negli ultimi due anni, da quando Olginate ha raggiunto Lecco in Serie B, acuitasi la scorsa estate con il passaggio di coach Meneguzzo (e staff tecnico) da una panchina all’altra. Se non bastasse, gli scontri calcistici e pallavolistici degli ultimi anni hanno incrementato il campanilismo fra Lecco e Olginate.

9 – Tornare a riempire il palazzetto del Bione. Le ultime prestazioni non certo esaltanti del Basket Lecco hanno un po’ scoraggiato il pubblico di casa. Le recenti partite casalinghe non hanno offerto una cornice adeguata alla categoria, nemmeno contro un’avversaria di rango come Urania Milano. Il derby, fra tifosi lecchesi e olginatesi, è sempre una buona occasione per riempire le tribune del palazzetto. Sperando che lo spettacolo sia più interessante rispetto al deludente match di andata.

10 – I duelli che decideranno il match. La partita avrà molti scontri, diretti o indiretti, fra i giocatori in campo. Li abbiamo riassunti in questo articolo.

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Basket