Seguici

Calcio a 5

I “Santi” volano in Paradiso: promozione in Serie A2!

L’aritmetica vittoria del campionato arriva nel giorno di sosta. Nel recupero della 19^ giornata, il Carmagnola cade a Bergamo: nessuno può rimontare il gap. Il tecnico Danilo Lemma: «Siamo stati una squadra vera»

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 2 minuti

I Saints Pagnano sono ufficialmente promossi in Serie A2. La squadra di mister Danilo Lemma ha vinto il campionato di Serie B girone A. A tre giornate dalla conclusione della regular season, infatti, nessuna tra le avversarie può più raggiungerla. L’aritmetica è arrivata nel sabato di sosta del campionato, con la sconfitta dell’Elledì Carmagnola sul campo del Bergamo La Torre 5-3. I piemontesi rimangono a 11 punti dai Saints, mentre il Real Cornaredo è a 10: impossibile per entrambe colmare il gap.

Un cammino eccezionale quello dei brianzoli finora: 48 punti in 19 giornate, con 16 vittorie e 3 sconfitte, 131 gol fatti e 72 subiti. Una vera macchina da guerra.

La classifica del Girone A di Serie B

Per la piccola frazione meratese si tratta di una grandissima emozione, una giornata storica che corona un lungo percorso fatto di programmazione, scelte e persone vincenti.

«Siamo molto felici, è una vittoria anomala non farla sul campo ma questo non toglie nulla a ciò che abbiamo realizzato. Non so se siamo stati la squadra più forte, sicuramente siamo stati la più continua – spiega Danilo Lemma a LCN – Con un bel filotto di vittoria all’andata e uno al ritorno. Trovarci a meno cinque dopo lo scontro diretto col Cornaredo non è stato facile ma le vittorie contro Videoton Crema e Lecco ci hanno ridato la fiducia per fare qualcosa di speciale».

Lemma non è l’unico artefice di questa straordinaria affermazione. Con lui lo staff tecnico, la società, e prima di tutti la squadra. «I ragazzi sono stati molto bravi – prosegue il tecnico – Non ha vinto un gruppo ma una squadra, ogni componente ha avuto un suo ruolo e un obiettivo comune. Un gruppo è semplicemente costituito da persone che stanno bene. Noi invece siamo stati squadra perché chi aveva responsabilità le ha prese e chi giocava meno ne era consapevole. Abbiamo messo umiltà per vincere le partite, adattandoci ogni settimana anche quando giocavamo contro chi aveva molti meno punti di noi: questo ci ha permesso di trovare le chiavi. Abbiamo giocatori forti, altrimenti non si vincono i campionati, ma tutti sono riusciti a giocare bene fra di loro. E poi non ci siamo mai disuniti anche nei momenti difficili».

Ora a Pagnano si stappano le bottiglie e si farà festa: meritatissima.

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio a 5