Seguici

Rugby

Nel Rugby Lecco sin da bambini, segnano insieme la prima meta in Serie B

La bella impresa di Filippo Corbetta, Samuele Locatelli e Francesco Mauri, esordienti stagionali dall’Under 18, tutti a segno contro Milano. Il presidente: «Vederli crescere con noi ci stimola a continuare il nostro progetto sportivo ed educativo»

Da sinistra Filippo Corbetta, Samuele Locatelli e Francesco Mauri
Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 2 minuti

I motivi per esultare, in casa bluceleste, sono diversi. Non c’è soltanto il fantastico girone di ritorno disputato dagli uomini di Sebastian Damiani che potrebbe persino consegnare un favoloso – e insperato a inizio stagione – quinto posto in Serie B. C’è una soddisfazione ancora maggiore, che si rinnova e si alimenta durante ogni campionato: l’esordio in prima squadra dei giocatori dell’Under 18 bluceleste.

Anche nel corso di questa stagione sono stati diversi i ragazzi cresciuti nel vivaio ad approdare alla corte di Damiani in un torneo (fisicamente) esigente e competitivo come la Serie B. Gli ultimi tre, domenica scorsa contro l’Amatori & Union Milano, hanno realizzato una piccola impresa. Si tratta di Filippo Corbetta, Samuele Locatelli e Francesco Mauri. I ragazzi sono scesi in campo per la prima volta insieme in Serie B e hanno tutti assaporato la gioia della prima meta tra i “grandi”, contribuendo in maniera determinante alla vittoria del Lecco.

Se ancora ve ne fosse bisogno, è la dimostrazione della bontà del “sistema” costruito dalla società, che coltiva in casa i talenti permettendo loro di ricevere nozioni rugbistiche utili ad arrivare pronti all’impegnativo confronto con chi frequenta la categoria da anni.

Gheza: «È il nostro ingrediente segreto»

«Sono tre Leoni del 2001, che hanno esordito quest’anno in serie B – commenta soddisfatto il presidente del Rugby Lecco Stefano Gheza – Domenica hanno giocato, per la prima volta, tutti e tre insieme in prima squadra. Bello pensare che, pur se giovanissimi (17/18 anni di vita), giocano insieme nel Lecco già da 13 anni, da quando erano in Under 6. Vedere la loro crescita da quando erano bambini, la loro “trasformazione fisica e mentale“, il loro desiderio (sin da bambini) di riuscire a giocare insieme in prima squadra e vedere realizzato il loro sogno, è estremamente stimolante e motivante per proseguire il nostro progetto sportivo/educativo. Resto convinto che questo sia il vero “ingrediente segreto” del Rugby Lecco». Impossibile dargli torto.

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Rugby