Seguici

Basket

È Bloise il primo tassello del nuovo Basket Lecco

Il 29enne playmaker, dopo una lunga carriera tra Serie A, Dna e B, approda a quel bluceleste affrontato più volte da avversario con Bergamo e San Vendemiano: «Sono qui per garantire concretezza e leadership»

Giacomo Bloise lo scorso anno al Bione con San Vendemiano (n° 3)
Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

Il Basket lecco riparte da Giacomo Bloise. Il playmaker classe 1990, cresciuto nel settore giovanile della Pallacanestro Cantù, è il primo tassello della squadra bluceleste di coach Riccardo Eliantonio in vista della Serie B 2019/20. Bloise è un volto conosciuto agli addetti ai lavori e ai tifosi del Lecco, avendolo incontrato molte volte da avversario, l’ultima nella passata stagione con la canotta di San Vendemiano (prima ancora con Bergamo).

Il 29enne vanta 9 presenza in Serie A con Cantù, quindi le prime esperienze da senior in Dna con Omegna nel 2010/11, a Fossombrone in B (13.3 punti di media), Montecatini (12.1), Biella in Dna con la qualificazione ai play-off.

Nel 2015/16 avventura a Bergamo, in serie B, con 8.3 punti e 5.9 nei play-off sino alla finale persa contro Udine. L’anno successivo passa a Firenze, dove torna in doppia cifra e disputa ancora gli spareggi promozione di Serie B. Nel 2017/18 è a Varese, con la Robur et Fides, nel girone A, arrivando a 17.7 punti in stagione regolare e 14.5 nei play-out. Infine, campionato 2018/19 a San Vendemiano: 13,5 punti, 4,4 assist e 3,7 rimbalzi in regular season, 37% da tre punti, 40% da due e 80% ai liberi).

«Il coach mi ha chiamato per essere un leader»

«Conosco bene la realtà di Lecco e so che ambiente troverò – commenta Bloise – Sono il primo acquisto e di conseguenza mi fa molto piacere che si inizi da me, è stimolante: cercheremo di fare un campionato importante e dare del nostro meglio. Personalmente conosco bene la serie B, oltre ad avere calcato parquet di serie A: sono un giocatore da sempre abituato a essere leader in campo, per capire al meglio le situazioni e aiutare i giovani. Tanta concretezza e leadership: il coach mi ha chiamato proprio per questo. Dal punto di vista tecnico, la mia arma principale è a livello offensivo, specialmente col tiro da tre punti. Se c’è da prendersi la responsabilità nei momenti di difficoltà faccio sempre un passo in avanti».

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Basket