Seguici

Calcio

Calcio Lecco, Gaburro: «Ora affiliamo le armi per la Coppa». La sintesi di Chievo-Lecco

Parole di soddisfazione quelle pronunciate dal tecnico bluceleste, replicate anche dal fedelissimo Carboni: «Partita importante per noi, ma finalmente arrivano quelle “vere”»

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 2 minuti

Va bene l’amichevole, ma è impossibile, in casa Calcio Lecco 1912, non provare soddisfazione dopo l’ottima prestazione sciorinata con il ChievoVerona a Vigasio. I blucelesti, neopromossi in Serie C, hanno saputo tener testa ai clivensi, neoretrocessi in Serie A, mostrando gamba e personalità, oltre a una certa capacità di sofferenza che tornerà comoda più avanti. Magari già tra sette giorni, quando il “Rigamonti-Ceppi” aprirà le porte per la sfida di Coppa Italia con la Giana Erminio, prima partita “vera” della stagione.

«Non si è vista grande differenza in campo, anche se non so quanti giocatori faranno parte del Chievo a fine mese – spiega un soddisfatto mister Gaburro a fine gara -. Potevamo gestire meglio alcune situazioni di palla, ma ci siamo presentati qui senza Lisai, Migliorini e Pedrocchi, perdendo anche Giudici in corso d’opera. Carissoni? Ha lavorato a parte, ora si aggregherà al resto del gruppo e sarà a disposizione. Coppa? Dobbiamo affilare le armi per questa partita contro la Giana Erminio, squadra simile all’Albinoleffe».

La difesa è stata imperforabile, sostenuta da due colonne come capitan Malgrati e Carboni: «E’ stata una partita importante per noi – ha spiegato proprio Carboni a fine gara -, per questo abbiamo fatto un po’ di “festa” a fine partita. Ora, finalmente, si torna a giocare per le partite “vere”».

Condividi questo articolo sui Social
.
.
.
.

Lecco Channel Web Radio

LECCO CHANNEL NEWS TV

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio