Seguici

Calcio

Calcio Lecco, Carissoni: «Da tempo volevo venire qui. A disposizione per Novara? Vediamo…»

Il giovane terzino bergamasco, enfant prodige ai tempi del Pontisola, è arrivato in bluceleste in prestito dal Torino. Dopo l’infortunio cerca la miglior condizione e la continuità

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

Per Lorenzo Carissoni, Lecco rappresenta le prime sgambate da grande con la maglia del Pontisola, condivise con Jordan Pedrocchi. Cinque anni dopo, entrambi hanno fatto il salto di qualità, ognuno con i suoi tempi: il giovane terzino bergamasco è reduce da un’annata da protagonista assoluto con la maglia della Carrarese. Con i marmiferi è arrivato fino alle soglie delle semifinali play-off, battuto solamente dal Pisa poi promosso. Tornato al Torino, ha rinnovato il suo contratto fino al 2021 e ha preso la direzione bluceleste: qui, dopo un periodo difficile a causa dell’infortunio muscolare che l’ha tenuto fuori dal campo per circa un mese (11 agosto), è pronto a rientrare nei ranghi già in vista della complicata sfida di Novara.

«Ho ritardato un po’ l’arrivo qui – spiega Carissoni -, era da tempo che chiedevo al mio procuratore di portami a giocare in bluceleste. Mi sono fatto male subito, ora non vedo l’ora di poter entrare in campo per aiutare la squadra, che ha dimostrato di essere un gran gruppo».

Il suo percorso di crescita: «Lecco rappresenta la mia prima partita in uno stadio complicato, dopodiché sono cresciuto pian piano. A Carrara ho vissuto una bellissima esperienza, che speso di ripercorrere qui».

Ci concentriamo, poi, sui compagni di squadra: «Magonara sta ben sfruttando l’occasione dettata dal mio infortunio, non so se sarò già disponibile a Novara, ma nel caso spero di riuscire a dare il mio contributo. Pedrocchi è un ragazzo che già conoscevo, mi ha fatto fare il mio primo gol nei campionati importanti ed è sempre stato da categorie superiori. Spero si possa ritagliare uno spazio importante anche tra i professionisti».

Il Pontisola di Carissoni (ultimo a destra accosciato): si riconoscono anche Pedrocchi, Aldegani, Bergamini e Pergreffi

Condividi questo articolo sui Social

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio