Seguici

Calcio

Calcio Lecco, D’Agostino: «Juventus fatta di giovani e forti giocatori. Non fa bene a nessuno allenarsi in trentadue. Tifosi? Hanno ragione»

Il tecnico torna a battere sul tasto della rosa extralarge, continuamente rimpolpata dall’arrivo di nuovi elementi. In arrivo i giovani bianconeri, guidati dallo spauracchio Dany Mota Carvalho

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

Sono giorni sicuramente duri per mister Gaetano D’Agostino. Il tecnico bluceleste, dopo la sconfitta patita a Gorgonzola con l’Albinoleffe, ha ricevuto critiche da più parti, tifoseria in primis. Di fronte c’è un’altra partita difficile, questa volta contro una rilanciata Juventus U23. La squadra di mister Pecchia, dopo una partenza stentata, è reduce da due vittorie consecutive con Pianese e Renate, che hanno installato i giovani bianconeri a ridotto della zona play-off. Il Lecco, dal canto suo, è atteso al varco dai supporter dopo quattro sconfitte consecutive.

Ancora una volta, la gara di Gorgonzola è stata rovinata sul nascere dalla rete subita dopo due minuti: «Non dev’essere accettabile, mi assumo le responsabilità anche se sul campo ci lavoriamo – spiega D’Agostino a LCN -, questo aldilà del fatto che con l’Albinoleffe c’era un rigore con espulsione a nostro favore. Subire subito la rete ha rotto le scatole, dobbiamo alzare l’asticella dell’attenzione».

All’orizzonte ci sono le figure dei giovani bianconeri, guidati dal capocannoniere Mota Carvalho. In casa-Lecco, invece, molto passa dalla verve di Nicola Strambelli: «La Juventus U23 gioca bene a calcio, è formata da giocatori selezionati. Nicola è un giocatore da Lega Pro, che riesce a determinare grazie al ritmo che ha nelle gambe. Sta incrementando il suo stato di forma, ha creato scompiglio già nella prima gara con la Pro Patria».

La gara con la squadra di Pecchia fa da “cuscinetto” in vista del derby, l’Appuntamento dei tifosi: «E’ giusto che la gente ci aspetti al varco, hanno tutta la ragione a reagire così. Sono abituato a subire le critiche sui risultati, siamo tutti consapevoli che siamo noi a determinare l’umore dei nostri supporter in base a ciò che mostriamo in campo. Provo rispetto verso di loro e la società, ma soprattutto in ragazzi che credono alla salvezza».

Il tasto più fastidioso pare essere, comunque, quello della rosa extralarge: «Ribadisco che il gruppo va formato cercando di fare delle scelte. Siamo arrivati a un punto in cui bisogna capire che allenare 32 giocatori non fa il bene di nessuno. Siamo in tanti, tantissimi, tutti possono meritare il posto, ma le scelte vanno fatte. Bisogna allenare un gruppo di 23-24 elementi, tutti a disposizione ventiquattro ore al giorno».

Lecco-Juventus U23: i convocati

D’Agostino ha convocato ventisei elementi in vista della sfida con i bianconeri. Sempre ai box Migliorini, Segato e Bacci, oltre al prossimo rientrante Magonara; out anche Jordan Pedrocchi per scelta tecnica. Seconda convocazione consecutiva per Yusupha Bobb, in forte odore di maglia da titolare; torna in elenco Simona D’Anna.

Anteprima Lecco - Juventus U23: i convocati e le parole di mister D'Agostino

Condividi questo articolo sui Social
.
.
.
.

Lecco Channel Web Radio

LECCO CHANNEL NEWS TV

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio