Seguici

Rugby

«Non sono sorpreso, questa squadra ha “fame” e voglia di migliorare»

Il presidente della squadra bluceleste commenta lo straordinario inizio di stagione in Serie B. «La continuità con gli anni scorsi sta pagando, il metodo Damiani funziona. I ragazzi sono pronti e non si fermano mai»

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

Un Rugby Lecco così fa sognare. Non soltanto i tifosi e gli addetti ai lavori, ma anche il presidente e la dirigenza. Stefano Gheza celebra le tre vittorie consecutive del gruppo affidato a Sebastian Damiani ma non è affatto sorpreso, perché si tratta di raccogliere i frutti della continuità.

«Direi che il campionato è iniziato con gli stessi risultati del girone di ritorno dell’anno scorso, ne sono orgoglioso ma non stupito – spiega Gheza – È frutto del lavoro che prosegue da anni anche con le nostre giovanili, il progetto tecnico impostato da Sebastian Damiani è molto efficace. Avere una Under 18 che gioca nel girone Elite 1 è estremamente formativo per i nostri giovani leoni. Consente loro di confrontarsi con ragazzi cresciuti in importanti società rugbystiche e ad alto livello dai 16 ai 18 anni. Quasi naturale che il passaggio alla prima squadra avvenga con grande facilità di adattamento alla serie B».

Rugby Lecco: l’avvio di Serie B spiegato in numeri

Non è un mistero che questo sia il marchio di fabbrica del Rugby Lecco ormai da anni. «È quindi un importante serbatoio di atleti di buon livello e abituati a competere con l’alto livello. Tutti i giocatori della prima squadra arrivano dal medesimo percorso formativo, che sta dando i frutti sperati. I “vecchi” danno l’esempio e trascinano i giovani, a partire dal capitano. Pur molto giovani nella media, chi sta giocando ora in serie B (compresi i ragazzi che giocano anche in C con la cadetta), hanno piena consapevolezza dei loro mezzi e affrontano le partite con lo spirito giusto. Questo influisce sia sulla fase difensiva (dove da anni siamo una delle squadre più efficaci), sia su quella realizzativa (è il miglioramento più visibile rispetto alle passare stagioni)».

«Obiettivo migliorare il piazzamento dello scorso anno»

La domanda successiva è: dove può arrivare questo Lecco? «Credo ci siano ottime possibilità di migliorare la posizione di classifica delle ultime stagioni. Il campionato è iniziato contro squadre al nostro livello, ma le abbiamo “dominate”. Il gioco si farà duro già tra due domeniche (dopo la sosta di domenica prossima), contro Franciacorta (ha diversi giocatori con esperienze di serie A e ha battuto Rovato nell’ultima partita, ndr): sono certo che la affronteremo con la dovuta umiltà ma facendo di tutto per cercare di vincere. Sarà un campionato comunque equilibrato, i ragazzi dovranno continuare a crescere con la consueta umiltà e farsi trovare pronti soprattutto per le partite più dure: Cus Milano e Rovato, senza però prendere sottogamba, come accaduto in passato, nessuna altra avversaria».

Gheza si sofferma in particolare su un episodio che ai più potrebbe essere sfuggito, eppure è estremamente indicativo dell’approccio alle partite dei ragazzi blucelesti. «Al termine della partita contro Amatori Milano – prosegue il presidente – vinta con un netto 20-0 ma con sole tre mete (quindi vittoria senza bonus offensivo, ndr), i ragazzi sembravano quasi amareggiati (nonostante la vittoria). Hanno “fatto fatica” a intonare la consueta canzone della vittoria. Questo significa avere “fame” e voglia di migliorare».

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Rugby