Seguici

Volley

Picco Lecco, Milano: «Risultato gratificante». Dall’Igna: «Impariamo a soffrire». Lancini: «Reazione di squadra»

La capolista al microfono dopo la sesta vittoria consecutiva: in settimana sarà importante analizzare ciò che non è andato ad Alseno, dove le biancorosse hanno sofferto più del dovuto

La Picco festeggia ad Alseno (Foto Luca De Cani)
Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

Sei su sei per l’AcciaiTubi Pallavolo Lecco Alberto Picco, che vince sul campo della Conad Alsenese allunga in vetta grazie alla faticosa vittoria (2-3) della Lilliput Settimo Torinese sul campo dell’Esperia Cremona. Ora sono tre i punti di vantaggio su Albese con Cassano, che ha preso i gradi di vicecapolista alle spalle delle lecchesi. La gara del Piacentino, oltre a consegnare tre punti pieni, ha messo in mostra in maniera più netta anche qualche pecca già mostrata in precedenza dalla squadra di coach Gianfranco Milano, condizionata da un atteggiamento troppo morbido in avvio e da delle difficoltà in ricezione e difesa.

Fattori che, visto il tasso tecnico diverso tra le due compagini, non hanno precluso la conquista della posta piena in palio, ma forniranno degli spunti di riflessione in vista della trasferta di Trescore Balneario in programma sabato 7.

«Partita non semplice – esordisce coach Milano ai microfoni – sin dai primi palloni ci siamo accorti di non aver la giusta condizione e il giusto atteggiamento per poterle impensierire. Dopo aver perso il primo set abbiamo dovuto rinunciare a Dalla Rosa per il riacutizzarsi di un problema fisico e, con l’ingresso di Bianchi, abbiamo iniziato a far meglio attraverso una spinta emotiva e di gioco. Siamo migliorati in tutti i fondamentali, vincendo il secondo set in maniera sofferta, inoltre loro hanno iniziato a essere in difficoltà. Vinto il terzo parziale, il quarto l’abbiamo affrontato bene, creando un allungo importante fino all’inceppamento sul nostro 24. Siamo molto contenti di ciò che abbiamo fatto e di aver portato a casa i tre punti, si tratta di un risultato gratificante. Nessuna partita è scontata, dobbiamo affrontare le squadre sempre con grande aggressività e spinta. Sono sicuramente due aspetti da migliorare prossimamente».

Il match offriva anche lo scontro tra Arianna e Melania Lancini, sorelle e rivali in campo per una sera: «Noi siamo partite un po’ contratte e loro ci hanno messo subito sotto pressione – spiega la schiacciatrice biancorossa Arianna -. Nel primo set non siamo state capaci di dire la nostra, poi c’è stata una reazione di squadra, questo nonostante loro abbiano fatto una buona partita e siano rimaste sempre combattive. Tre punti importanti e non scontati, questi. Melania? Sono contenta che mia sorella abbia giocato una buona partita… l’ho vista cresciuta».

(Foto Luca De Cani)

Positiva Stefania Dall’Igna: «Stiamo imparando a soffrire. È stata una partita molto difficile e sempre in salita. La nostra battuta ha punto solo a tratti e abbiamo commesso più errori del solito, perdendo spesso il bandolo della matassa nei momenti del set in cui eravamo avanti. Dal secondo set abbiamo giocato con un assetto diverso, modificando un po’ il nostro gioco. Un plauso a Giada Bianchi, entrata su Dalla Rosa, per il lavoro fatto: cominciando a macinare campo ci potrà dare una grossa mano. Dobbiamo diventare più ciniche nei momenti clou del match, più aggressive e avere molta più fiducia nei nostri mezzi. Detto ciò bravissime noi a strappare un risultato pieno!».

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Volley