Seguici

Calcio

Il Lecco trova il doppio vantaggio, poi crolla: l’Arezzo rimonta

I blucelesti sbloccano con Strambelli su punizione, raddoppiano a inizio ripresa con Procopio ma negli ultimi venti minuti la benzina finisce: Cutolo al 62′ e Gori nel recupero riacciuffano il pareggio

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 4 minuti

Un pareggio amaro. Il Lecco gioca bene, dando continuità alla prestazione di domenica con il Novara, va avanti di due gol ma quando le energie sono al lumicino, Capogna, D’Anna e Strambelli escono, la squadra si spegne e l’Arezzo completa la rimonta, portando via dal Rigamonti Ceppi un punto.

Dopo un minuto Cutolo conclude, facile per Safarikas. La prima conclusione vera è però di Tassi al 10′ con un destro da posizione centrale, nessun problema per il portiere bluceleste. La più grande occasione è del Lecco, al 15′, con Capogna servito da Strambelli: il centravanti romano si libera per il destro, in piena area, ma calcia su Pissardo.

Al 20′ calcio di punizione dal limite (fallo su Capogna dentro l’area?): Strambelli calcia da fermo, palo e palla che rimbalza oltre la linea, una magia spettacolare per il vantaggio dei blucelesti. Al 25′ ancora il numero dieci a provarci da lontanissimo: alto. Dopo la mezz’ora stessa azione, dall’altro lato del campo, con Cutolo: palla in Nord. Al 35′ bel cross di Procopio da sinistra, colpo di testa di Capogna che non inquadra la porta. Il primo pallone sbagliato da Bolzoni è al 43′, sulla trequarti, e crea l’insidia sull’asse Cutolo-Gori, ma Bastrini ostruisce la conclusione all’attaccante toscano. Ultimo brivido del primo tempo sul tiro di Cutolo, di poco alto sopra la traversa di Safarikas.

Secondo tempo: l’illusione, poi il calo

Al 48′, dopo un bel tiro di Foglia alto di poco, il raddoppio bluceleste: assist di D’Anna da destra, bell’inserimento di Procopio che da sinistra si accentra e conclude imparabilmente per Pissardo. Il Lecco prova a chiuderla al 53′ con il cross di Strambelli e il colpo di testa, in avvitamento, di D’Anna che termina fuori di pochissimo dal palo sinistro della porta aretina. I toscani faticano a trovare spazi davanti e si affidano soltanto a conclusioni da lontano, ma al 62′ l’azione propizia arriva con un cambio di gioco sulla destra, palla dentro immediata di Belloni e sinistro vincente, dall’altra parte, di Cutolo.

Reazione immediata con D’Anna che non trova lo specchio della porta. Al 74′ D’Agostino cambia per vincerla: fuori Procopio e D’Anna, dentro Forte e Maffei. L’Arezzo spinge ma senza grande costrutto, il Lecco è stanchissimo e non riesce più a ripartire. In pieno recupero, la doccia fredda: cross da destra di Tassi e Gori, in piena area piccola, che batte Safarikas per il pareggio. Al 95′ c’è ancora spazio per la palla, improvvisa, della vittoria: colpo di testa di Fall e palla sulla traversa, con Forte che non riesce a ribadire in rete. Finisce 2-2 e per il Lecco è un’amarissima beffa.

Calcio Lecco 1912 2-2 Arezzo (1-0)

Marcatori: Strambelli (L) al 21′ p.t.; Procopio (L) al 3′ s.t.; Cutolo (A) al 18′ s.t.; Gori (A) al 46′ s.t.

Lecco (3-4-2-1): Safarikas; Merli Sala, Malgrati, Bastrini; Carissoni, Bobb, Bolzoni, Procopio (dal 28′ s.t. Maffei); Strambelli (dal 42′ s.t. Pastore), D’Anna (dal 28′ s.t. .Forte); Capogna (dall’11 s.t. Fall) (Livieri, Pulze, Milillo, Lisai, Negro). All. D’Agostino.

Arezzo (4-4-1-1): Pissardo; Luciani, Borghini (dal 5′ s.t. Baldan), Ceccarelli, Corrado (dal 44′ s.t. Cheddira); Belloni (dal 34′ s.t. Piu), Foglia, Rolando (dal 5′ s.t. Caso), Tassi; Cutolo; Gori (Daga, Mosti, Sereni, Nolan, Picchi, Mesina, Zini, Piu, Benucci). All. Di Donato

Arbitro: Mario Davide Arace di Lugo di Romagna (Francesco Collu e Marco Porcheddu di Oristano).

Note: spettatori 1.995; ammoniti: Borghini. Angoli: 2-2. Sciopero della Curva Nord per protesta contro le cinque diffide di Pistoia.

Condividi questo articolo sui Social

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio