Seguici

Basket

Le società di Serie B e la Lnp stilano la priorità: concludere il campionato

Nel direttivo di Lega di venerdì è emersa la volontà unanime di salvaguardare la stagione sportiva e gli investimenti dei club non appena ci si potrà allenare, spostare e giocare negli impianti. Aperta anche l’ipotesi giugno

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

Il campionato maschile di Serie B, che vede protagoniste Basket Lecco e Np Olginate, potrebbe concludersi al termine dell’emergenza Covid-19. Venerdì il Consiglio direttivo della Lega nazionale pallacanestro, riunitosi in collegamento online, ha affrontato la situazione relativa ai campionati di Serie A2 e B, interrotti lo scorso 8 marzo dal primo Decreto del presidente del Consiglio dei ministri.

Le società avrebbero espresso la volontà più o meno unanime di concludere regolarmente i campionati, ipotizzando una ricalendarizzazione – di concerto con il Settore agonistico Fip – delle giornate mancanti alla fine della regular season non appena sarà possibile, con play-off e play-out comunque in forse.

Calcio, la ripresa è lontana

Tre sono i fattori determinanti per la ripresa: la piena possibilità di allenarsi, poter viaggiare senza limitazioni e giocare avendo la disponibilità degli impianti. È chiaro che in questo momento sia impossibile fare previsioni, con il picco del contagio di Covid-19 ancora non superato e una possibile epidemia alle porte anche nel Meridione.

Per tutelare le società, messe a dura prova dalla situazione di emergenza, la Lnp ha assicurato che verrà intensificato il dialogo con la Fip. La prossima riunione del direttivo Lnp è stata messa in calendario per il 26 marzo.

Il commento di Basciano

Così si è espresso nei giorni scorsi il presidente della Lnp Pietro Basciano sull’ipotesi di una nuova calendarizzazione. «Questo è l’obiettivo di tutti. Prima cosa, cercare di capire quante date resterebbero a disposizione e conseguente possibilità di allungare la stagione nel mese di giugno, oltre le date già fissate, se le società daranno disponibilità. E da lì capire se le formule di Serie A2 e Serie B possono essere salvaguardate: integralmente, parzialmente, o con necessarie revisioni. Qualunque scenario oggi non può essere realistico. Tutti hanno una soluzione, ma in realtà nessuna di queste può risultare quella giusta finché non sapremo quando l’attività potrà riprendere. Unica certezza è che si cercherà il più possibile di salvare la stagione, nel rispetto di ciò che finora ha espresso sul piano sportivo e degli investimenti già fatti dai club».

Condividi questo articolo sui Social

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Basket