Seguici

Altro

L’ultimo match

«Me’l Tyson…? Go mia pura!»: ci ha lasciati Angelo “Ali” Rottoli, pugile pluricampione, amante della vita della notturna e nostro amico

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

Angelo, Angelo “Ali” Rottoli, Angelone, il gigante buono ci ha lasciati, sconfitto dal maledetto Covid-19 due giorni fa. Soltanto un paio di settimane prima lo stesso virus assassino aveva ucciso la mamma e il fratello. Nato nel 1958, era originario di Presezzo. La sua carriera da pugile racconta di 35 incontri disputati: 29 vinti, 3 persi e 2 pareggiati. Campione italiano nel 1983, perse il campionato mondiale WBC nel 1985 contro il Portoricano Carlos De Leon. Nel 1987 divenne campione Intercontinentale, poi si laureò campione Europeo nel 1989.

Era un personaggio vero Angelo, un protagonista di locali alla moda della movida bergamasca e non solo. Lo conoscevano ovunque, da Milano a Montecarlo. L’essere bello, simpatico e con la battuta sempre pronta lo faceva diventare un amico ambito con cui condividere la vita. Playboy, cantante di karaoke, mattatore in cene goliardiche, un uomo dalla vita piena. Arrivava sempre tardi al “Bobadilla” di Dalmine. Appena entrato chiedeva un caffè e le sigarette che il proprietario del “Boba” Benvenuto gli teneva da parte. Poi, via nella notte. Per fare mattino ecco l’ultima tappa al bar Olympus, dove tra chiacchere e battute si faceva l’alba.

Nella seconda metà degli Anni 80 io e mio fratello Ivan, dopo avere avuto esperienze radiofoniche rispettivamente nel Milanese e a Lecco, cominciammo una collaborazione con West Radio a Ponte San Pietro. A gestirla c’era Fabrizio Pirola. Fu lui che ci presentò Angelo Rottoli, che era un assiduo frequentatore della radio.

Che periodo magnifico e che nostalgia ricordarlo ora… Capitava spesso di andare all’ora di pranzo a mangiare tutti insieme dal “Mora” a Ponte. La trattoria “Mora” era frequentata da operai e impiegati che alla pausa mangiavano li. Quando arrivava Angelo con il resto della truppa (il Pirola, Ivan, il Rude e il Mattavelli) oltre che pranzare partiva lo show: risate, battute, aneddoti, goliardate. Manchi già Campione! Siamo sicuri che da lassù continuerai a sorridere e farci sorridere. Ti vogliamo ricordare con una delle tue battute folgoranti: «Me’l Tyson…? Go mia pura!».

Ciao Angelo.
Linotype

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Altro