Seguici

Calcio

Serie C, terza ipotesi di riforma: tornano in auge girone unico e semiprofessionismo

Il presidente federale Gabriele Gravina dovrà mettere mano al corposo sistema italiano, oggi formato dalla bellezza di cento squadre professionistiche

Gabriele Gravina, presidente federale
Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 2 minuti

Sessanta squadre “pro” tra Serie A, Serie B, Serie C, un solo girone di terza serie e la reintroduzione del semiprofessionismo. Sono i punti cardine della terza ipotesi di riforma del calcio riportata da “Il Giornale” nella sua versione odierna. Stando a quanto riferito dal quotidiano, il presidente della Figc Gabriele Gravina dovrà condurre delle riforme strutturali per il calcio italiano, messo a durissima prova dall’emergenza sanitaria.

La gerarchia del pallone nostrano, se quanto esplicato prima andasse in porto, potrebbe venire ristrutturato nella seguente maniera: Serie A, B e C con venti squadre per ciascuna categoria; quindi la creazione di una categoria intermedia tra la C e la Serie D, che manterrebbe gli attuali nove gironi. Si tratterebbe di una Serie C2 semiprofessionistica e potrebbe essere composta due gironi da 18 o 20 squadre, tema caro anche al presidente di Lega Francesco Ghirelli.

La vecchia “C2” venne tagliata nel 2014, quando si tornò alla Serie C unica formata sessanta squadre, suddivise a loro volta nei tre giorni a organizzazione territoriale, portando a cento il numero delle società professionistiche italiane, quantitativo oggi insostenibile.

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio