Seguici

Calcio

Addio a Pierino Prati: salvò l’Ac Lecco dal baratro negli Anni Ottanta

Nel 1984 mise i mattoni per costruire una salvezza dalla retrocessione in Promozione che sembrava inevitabile: privata del Presidentissimo Ceppi, la società bluceleste era prossima al baratro

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 2 minuti

Calcio in lutto per la scomparsa di Pierino Prati, icona del calcio italiano degli Anni Sessanta e Sessanta, nonchè allenatore dell’Ac Lecco nel 1984. Lo storico attaccante del Milan venne ospitato telefonicamente nel marzo del 2015 per farci raccontare il miracolo sportivo che realizzò con una squadra malmessa, ormai alle soglie della Promozione.

Anno 1984: Pierino Prati salva l’Ac Lecco dal baratro

Anno 1984, il calcio a Lecco vive uno dei periodi più bui della sua storia e serve un miracolo, sportivo ma di quelli veri, per salvare una squadra sull’orlo della retrocessione in Promozione. E’ l’anno in cui lascia questo mondo Mario Ceppi, figura mitologica capace di portare ai massimi livelli del calcio nazionale una realtà nemmeno provinciale. E’ il 5 febbraio quando Valerio Somasca, che rappresenta gli imprenditori subentrati in società dopo la morte del Presidentissimo, contatta e nomina come allenatore Pierino Prati, che tre anni prima aveva smesso i panni del calciatore per vestire quelli dell’allenatore.

Con le scarpe da gioco ai piedi Pierino “la peste” aveva scritto pagine di storia del calcio italiano, vincendo Coppa dei Campioni e Intercontinentale con il Milan (1968), segnando tre reti nella finale di Lisbona contro l’Ajax. Oltre a questo, conquistò lo scudetto 1967-1968 e due Coppe Italia (1972, 1973). Proseguì la carriera con le maglie di Roma, Fiorentina, Savona e Rochester Lancers (Stati Uniti), prima di chiudere in C2 con gli stessi liguri. In nazionale, invece, aveva conquistato il secondo posto nel Mondiale in Messico (1970) e quello che, ad oggi, è ancora l’unico Europeo nella bacheca di Coverciano (1968).

Prati, a Lecco, trovò una squadra in piena crisi: attraverso un profondo lavoro psicologico e tattico riuscì a evitare il baratro della retrocessione, anche grazie alla fortuna e a qualche combinazione che favorì la permanenza dei blucelesti in Interregionale.
La sua esperienza al “Rigamonti-Ceppi” si concluse al termine della stagione, ma un’impresa del genere gli consegna meritatamente l’etichetta di Bluceleste forever!

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio