Seguici

Calcio

Casatese, mister Borghi si presenta: «Per i ragazzi è fondamentale la mentalità del migliorarsi ogni giorno». Tricarico cauto: «Tanto entusiasmo, ma l’obiettivo da raggiungere è la salvezza»

Tanti i temi toccati dalla nuova guida tecnica della Juniores Nazionale biancorossa, che può vantare una brillante e proficua esperienza in quel di Seregno. Con Borghi anche mister Tricarico, confermato condottiero della prima squadra

Walter Luigi Borghi e Danilo Tricarico durante la diretta social della Casatese
Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 4 minuti

Dopo tre conferenze dedicate alla presentazione dei nuovi acquisti della Casatese (Isella, Perego e Mandelli) in compagnia di altri giocatori, nella serata di sabato 27 giugno la parola è spettata alle guide tecniche. A parlare sono stati infatti mister Walter Luigi Borghi, nuovo tecnico chiamato a guidare la Juniores Nazionale, e il confermatissimo condottiero della prima squadra Danilo Tricarico, pronta ad affrontare il prossimo campionato di Serie D.

Prime parole per mister Borghi sulla scelta di intraprendere l’avventura biancorossa: «A me piace lavorare con società che hanno un progetto. Nelle persone della Casatese ho trovato semplicità, umiltà e determinazione nell’avere questo progetto coi ragazzi. Penso che nell’arco di qualche giorno verrà definita la rosa e da lì cominceremo a programmare la stagione».

Panoramica sugli ultimi anni da allenatore: «Un allenatore raggiunge obiettivi importanti se ha avuto il piacere di lavorare con ragazzi intelligenti e umili. Ho lavorato sia con i ragazzi sia con prime squadre. A Seregno coi ragazzi è stato un percorso di cinque anni, con rose cambiate nel tempo, e le soddisfazioni che mi hanno dato i ragazzi sono state grandi. Non bisogna avere fretta e soprattutto non bisogna mai pensare esclusivamente solo al risultato, alla vittoria, questo bisogna cercare di ottenerlo attraverso il lavoro e l’organizzazione».

https://www.facebook.com/Casatese1940/videos/670796613471290/

Strizzando anche l’occhio alla prima squadra, una riflessione quasi “paterna” di mister Borghi per i giovani, che devono saper giocare bene le proprie carte, costruendosi con l’impegno costante: «E’ importantissimo mixare giocatori di carisma che navigano già nella categoria e giocatori giovani che escono settori giovanili importanti. In prima squadra però ci sono altri ritmi e si alza l’asticella: i ragazzi, già a partire dalla Juniores, devono cercare di tenere alta l’intensità e la velocità di gioco. Un giovane ci deve credere veramente tanto, poiché con le regole attuali ha la possibilità di esprimersi in prima squadra da subito».

Elementi fondamentali di un giocatore e linee guida ed obiettivi: «La voglia, voglia di migliorarsi ed allenarsi con serenità e con il sorriso sulle labbra. Bisogna farlo con convinzione e credendo di poter migliorare ogni giorno, allenandosi con costanza e acquisendo la mentalità del migliorarsi ogni giorno. Il mio primo obiettivo per ora è formare un bel gruppo, poi quando conosceremo coi ragazzi tutta la rosa partiremo col nostro percorso di massimo impegno e costanza, poi parlerà il campo».

Mister Borghi ai tempi dell’esperienza al Seregno SEREGNO CALCIO

Per mister Tricarico qualche battuta sulla stagione appena conclusa: «Un po’ di amaro in bocca la sospensione del campionato ce l’ha lasciato, perché eravamo convinti che avremmo aumentato il margine sulla Vis Nova e avremmo conquistato il campionato. Il percorso è sotto gli occhi di tutti, si è vinta una Coppa e l’ultima sconfitta risale ad Ottobre. C’è stata una crescita costante: per il gioco espresso, la qualità della rosa e ciò che hanno mostrato i ragazzi. Poter giocare fino alla fine ci sarebbe piaciuto per primi a noi».

Doveroso commento sul mercato, tra grandi acquisti e preziose conferme: «A tanti giocatori che hanno vinto l’Eccellenza sono arrivate altre proposte, ma hanno sposato il nostro progetto, e da subito abbiamo avuto uno zoccolo duro su cui costruire il resto. Isella è stato la ciliegina sulla torta, insieme a lui è arrivato Perego, ed anche Mandelli che è un ragazzo che ci potrà dare una grossa mano. Poi c’è tutto il lavoro sugli under, quasi al termine, mancano uno o due tasselli. I giovani lo scorso anno sono stati importantissimi, si sono messi a disposizione, ma hanno anche trovato un grande gruppo di giocatori più esperti pronti ad accoglierli bene».

Obiettivo ben chiaro: «L’obiettivo importante da raggiungere ma che riteniamo possa essere alla portata è la salvezza. Quindi da quando riprenderemo a pedalare bisognerà essere settati e concentrati, perché quell’obiettivo va raggiunto a qualsiasi costo, senza se e senza ma. C’è tanto entusiasmo e tanta voglia di giocare, ma siamo consapevoli delle difficoltà che ci saranno l’anno prossimo, ma siamo pronti e vogliosi di affrontarle tutte insieme».

Mister Danilo Tricarico a colloquio con patron Sassella USD CASATESE

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio