Seguici

Calcio

Calcio Lecco, Marotta: «Ho scelto subito i blucelesti. Cauz ragazzo splendido, Mastroianni lo vuoi sempre in squadra con te»

Il 30enne centrocampista ex Piacenza è stato il primo colpo della campagna acquisti estiva: «Direttore, mister e vicepresidente mi hanno fatto un’ottima impressione»

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

Lo stadio, le visite mediche a Introbio dalla dottoressa Chiara Airoldi e un primo giro per le vie di Lecco. Matteo Marotta, fresco di rientro dalle vacanze, ha preso contatto con quello che sarà, dall’inizio di agosto, il suo nuovo mondo calcistico dopo i due anni a Piacenza. Un biennio intenso e passato tra la rarefatta aria d’alta quota, sfiorando la Serie B al primo tentativo. Ora una sorta di reset e il ritorno nella regione che gli ha dato i natali, primo acquisto della campagna condotta dal diesse Domenico Fracchiolla attraverso la quale sono stati acquisiti anche l’ex compagno Cristian Cauz e l’ex avversario Ferdinando Mastroianni. Poco, inoltre, è stato il tempo necessario per convincere Marotta, regista trentenne che il girone “A” lo conosce più che bene, avendolo vissuto da protagonista e con la fascia al braccio in rappresentanza della Giana Erminio.

«Non ho dovuto pensare molto – racconta Marotta a LCN Sport -. Il direttore Fracchiolla mi ha fatto un’ottima impressione, così come me l’hanno fatta mister D’Agostino e Gino, il figlio del presidente che, purtroppo, non ho ancora avuto il piacere di conoscere. Ho voluto capire solamente il progetto tecnico e il modulo che impiegheremo: quei fattori, uniti alla solidità societaria, mi hanno fatto scegliere molto rapidamente. 3-4-3? Quella o altre formule offensive saranno alla base, mi piace molto giocare a due in mezzo al campo, a Piacenza mi sono messo a disposizione come mezz’ala e sono sempre sceso in campo, ma non è un ruolo che mi entusiasma».

Marotta ritroverà Cristian Cauz alle sue spalle: «Si tratta di un ragazzo splendido d’avere dentro lo spogliatoio – ricorda rifacendosi ai tempi di Piacenza -, un elemento per me molto importante. A mio giudizio è un terzo centrale di difesa, durante quell’annata partì da terzino sinistro per poi, dopo il cambio di modulo, venir impiegato lì». Di fronte, invece, avrà in Ferdinando Mastroianni uno degli sbocchi: «E’ il tipo di giocatore che vuoi sempre in rosa, perché da avversario è veramente fastidioso da affrontare, dato che fa reparto da solo e va su tutti i palloni: alla sua età, inoltre, l’attaccante tende a segnare di più, come mi ha insegnato il mio ex compagno Perna alla Giana». La sua convinzione è che «possiamo fare grandi cose».

A Marotta chiediamo anche un parere su Reggiana-Bari, finale di play-off che ha mandato in paradiso la squadra emiliana, vicecapolista del girone “B”: «Con loro abbiamo passato 45′ senza mai vedere la palla quest’anno. Sono veramente forti, non sono sorpreso della loro vittoria e della conseguente promozione. Anzi, pensavo che sarebbe andata così».

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio