Seguici

Calcio

Sorpresa Scaccabarozzi: è tra i convocati per il ritiro. Può ambire a una conferma in bluceleste?

Il centrocampista di Olginate, rientrato alla base dopo le cinque partite disputate a Renate, ha ancora un anno di contratto con la società bluceleste

Jacopo Scaccabarozzi, 11 partite a Lecco prima del prestito al Renate BONACINA/LCN SPORT
Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

Tra le novità fornite dalla lista dei convocati per il ritiro della Calcio Lecco 1912, merita una citazione la presenza di Jacopo Scaccabarozzi. Il centrocampista classe 1994 ha fatto rientro dal prestito al Renate (cinque presenze), società a cui è stato ceduto nel corso del mese di gennaio quando si trovava ai margini della rosa di mister Gaetano D’Agostino. Sotto la guida del tecnico siciliano il cursore di Olginate ha disputato sei partite, di cui due da titolare, per un totale di 156′ minuti in cui è rimasto sul terreno di gioco.

Dalla fine di novembre Scaccabarozzi, 11 presenze in totale con la maglia lecchese, è progressivamente stato accantonato, tanto che dalla metà di dicembre non è stato più convocato per le gare ufficiali. A fine gennaio la cessione a titolo temporaneo alle Pantere, con la ritrovata titolarità e la possibilità di disputare i play-off promozione, sogno spezzato dal primo incrocio con il Novara (1-6, 26′ in campo).

Rientrato dalle vacanze estive e legato alle Aquile da un altro anno di contratto, Scaccabarozzi si è aggregato al gruppo al lavoro al “Rigamonti-Ceppi” per svolgere le sedute d’allenamento individuali e, quindi, ricevere la chiamata per il “via” ufficiale della nuova stagione. Tutto sommato una sorpresa, visto che non troppi giorni fa mister D’Agostino aveva ribadito di avere idee non Scaccabarozzi-comprensive sulla rosa finale; diversamente da Jusufi (’99) e Magonara (’99), ancora legati da uno e due anni di contratto ma virtualmente già altrove, il centrocampista potrebbe forse ambire a una conferma che avrebbe del clamoroso: a Lecco il giocatore non ha mai ingranato, è indiscutibile, ma sulle capacità tecnico-atletiche che ne avevano fatto uno dei top della terza serie, quantomeno al Nord Italia, ci sono pochi dubbi; certo, ci sarebbe da capirne la collocazione nel 3-4-3 di partenza, vista la sua naturale collocazione in una mediana a tre giocatori. Di certo i blucelesti non hanno alcun interesse a svalutarlo o a lasciarlo completamente inattivo, soprattutto se si decidesse d’inserirlo in qualche trattativa.

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio