Seguici

Calcio

Il Lecco accarezza la vittoria e teme la sconfitta, ma a Livorno strappa il 2-2

I blucelesti vanno in vantaggio al 42′ con l’ispirato Mangni e controllano per buona parte della ripresa. Dall’82’ all’85’ il black-out su palle inattive permette ai toscani di ribaltarla. Al 90′ l’autogol di Morelli sul cross di Nesta concede il pareggio

Il Lecco festeggia il pareggio riacciuffato nel finale BONACINA/LCN SPORT
Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

Il Lecco accarezza a lungo la vittoria in quel del “Picchi” di Livorno, poi pensa di averla persa pagando a caro prezzo le palle inattive, ma la riacciuffa di cuore nel finale. Prima conclusione per il Lecco al 7′ con Mangni, molto mobile e ispirato, deviato a lato. Ancora il numero dieci bluceleste al 14′, tiro a giro senza grande forza che non va lontano dai pali. Il Livorno spinge quasi solo a sinistra, mettendo dentro diverse palle che non creano problemi alla difesa del Lecco. Agazzi prova dai trenta metri al 24′, alto sopra la traversa.

L’occasione migliore per gli ospiti al minuto 25: cross di Celijak pennellato sulla testa di Mangni che si inserisce bene e spizza, fuori di pochissimo. Risponde la squadra di casa con Murilo, anche lui in gioco aereo, alto.

Bertinato scalda i guantoni solo prima della mezz’ora sulla conclusione forte ma centrale di Porcino, poi nessun brivido fino al 42′: Marotta lancia sulla corsa di Iocolano che scende a sinistra e punta il fondo, mettendo dentro un assist al bacio per Mangni, ancora una volta bravo a inserirsi coi tempi giusti per la stoccata del vantaggio.

Ripresa: la squadra si abbassa

Nel secondo tempo, prima occasione al 49′: Murilo a sinistra crea un pericolo ma di fatto la passa a Bertinato. Ci riprova Agazzi al 55′, altissimo, mentre due minuti dopo la conclusione è potente e Bertinato se la ritrova addosso, deviandola con un miracolo. Minuto 58: Purro si accentra e calcia, parata centrale di Romboli. Il Lecco prova a controllare, l’uscita di Capogna (per Mastroianni) causa un netto arretramento in campo, il Livorno prende confidenza e all’82’ trova il pareggio con il colpo di testa di Di Gennaro dal corner battuto da Mazzeo. Tre minuti e si completa un uno-due terribile, ancora da palla inattiva. Punizione dello stesso Mazzeo scodellata in mezzo, Murilo la tocca di piede alle spalle di Morelli, facendo carambolare la palla sul suo volto e poi addosso all’incolpevole Cauz. La squadra di D’Agostino però non molla, mostrando grande forza d’animo e qualità dalla panchina: Nesta, entrato in campo benissimo, scende a destra al 90′ e mette in mezzo una palla forte e tesa, su cui Morelli anticipa Capoferri tradendo il proprio portiere.

Finisce 2-2, risultato giusto per quanto visto in campo, ma con una gestione diversa nell’ultimo quarto d’ora, il Lecco avrebbe potuto pensare seriamente di condurre in porto un’altra vittoria.

Livorno Calcio 2-2 Calcio Lecco 1912 (0-1)

Marcatori: Mangni (Le) al 42′ p.t., Di Gennaro (Li) al 36′ s.t.; autorete di Cauz (Le) al 41′ s.t.; autorete di Morelli (Li) al 46′ s.t.

Livorno (3-4-3) Romboli; Morelli, Di Gennaro, Gonnelli; Mazzeo (dal 47′ s.t. Parisi), Porcino, Agazzi, Haoudi, Marsura; Murilo, Pallecchi (dal 21′ s.t. Braken) (Neri, Marie Sante, Deverlan, Nunziatini, Boben, Canessa). All. Alessandro Dal Canto.

Lecco (3-4-3): Bertinato; Merli Sala (dal 36′ s.t. Moleri), Malgrati, Capoferri; Celjak, Bolzoni, Marotta, Purro (dal 25′ s.t. Nesta); Iocolano (dal 36′ s.t. Cauz), Capogna (dal 16′ s.t. Mastroianni), Mangni (dal 16′ s.t. D’Anna)(Pissardo, Lora, Marzorati, Del Grosso, Porru, Haidara, Raggio). All. Gaetano D’Agostino.

Arbitro: Eduart Pashuku di Albano Laziale

Note: angoli: 6-3. Ammoniti: Haoudi, Merli Sala, D’Anna, Celjak. Recuperi: nel 1° t. e nel 2° t.

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio