Seguici

Calcio

Iocolano inventa e non solo, Galli si vede e si sente. La difesa non sbaglia quasi nulla. Le pagelle

Celjak-Marzorati-Cauz impeccabili sino all’85’, Capoferri dimostra ancora la solita grande personalità. Capogna entra dalla panchina e allunga la squadra. L’Alessandria delude le aspettative

L'esultanza del Lecco sul raddoppio BONACINA/LCN SPORT
Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

Calcio Lecco 1912 voto 7: prestazione di alto livello per come interpreta il match dopo il vantaggio immediato, e dopo il 2-0, in una ripresa in cui gli avanti si divertono e dietro si rischia pochissimo. La gamba c’è, la testa anche.

Bertinato voto 6: pressoché inoperoso, esce un paio di volte coi pugni, incolpevole sul gol ospite.

Celjak voto 7: si sposta dall’esterno a fare il terzo di difesa rispetto alle prime due uscite, ma il rendimento non cala, anzi: è una roccia sempre al posto giusto nel momento propizio.

Marzorati voto 6,5: esordio con fascia da capitano, dimostra la personalità che da lui ci si attende. Pulito negli anticipi, reattivo, dà sicurezza al reparto.

Cauz voto 6: buon primo tempo, in cui serve anche l’assist a Galli per il vantaggio. Puntuale fino all’85’, quando perde l’uomo sul cambio di gioco da cui nasce il gol degli alessandrini.

Nesta voto 6: ci si aspettava più spinta, ma il gioco del Lecco va spesso dall’altra parte. Cresce nella ripresa, sempre attento e propositivo.

Galli voto 7: spesso non lo vedi, ma il suo peso specifico è enorme. Arriva puntuale all’appuntamento col gol, si fa male, si rialza, corre per 70 minuti. Si completa meravigliosamente con Marotta.

(dal 26′ st Lora 6: entra col piglio giusto e gioca di anticipo a liberare la metà campo bluceleste).

Marotta voto 6,5: l’altra metà del centrocampo, a rincorrere palloni, sradicarli dai piedi avversari e ripulirli per far ripartire l’azione. Insostituibile.

Capoferri voto 6,5: la sua partita sarebbe esemplare fino al gol ospite, sul quale paga il misunderstanding con Cauz sulla catena difensiva di sinistra. Ma è un 2001, e a volte sembra proprio un giocatore di un altro pianeta.

Iocolano voto 7,5: è chiamato a regalare spettacolo e in questa serata gli riesce benissimo. Lo trovi ovunque: sulla destra, più spesso fra le linee in posizione centrale, dove fa saltare il banco. Il gol è un colpo di genio e di biliardo, ma la cosa più bella, perché meno attesa, è quanto si spende in pressione sui portatori di palla ospiti per 80 minuti abbondanti.

(dal 32′ st Moleri sv)

Mastroianni voto 6,5: punta di movimento se ce n’è una, prende legnate, serve sponde preziose e cerca anche di rifinire. Manca dove te lo aspetteresti, in area per concludere, ma nella sua partita c’è molto.

(dal 19′ st Capogna 7: entra e la squadra si rialza di venti metri, perché su di lui ti puoi appoggiare in maniera diversa. Segna un gol in fuorigioco millimetrico, colpisce un palo devastante).

Mangni 6,5: un concentrato di cose. Quando parte palla al piede è devastante, e tiene in ambasce la difesa alessandrina, ma non sempre è lucido nella scelta definitiva. Da un suo strappo nasce la rete del raddoppio.

(dal 32′ st D’Anna sv)

All. D’Agostino 7: mette in campo quattro novità dalla gara di Livorno, ed è ripagato dall’atteggiamento dei suoi, in un primo tempo di controllo e in una ripresa più spumeggiante, quando azzecca i cambi e rialza la squadra di quei quindici-venti metri utili a non farsi schiacciare.

Alessandria 5,5: l’assenza di Eusepi pesa, certo, ma ci si aspetterebbe un atteggiamento più offensivo che non arriva mai, anche quando sarebbe opportuno cambiare passo. Il centrocampo è sempre in ritardo sulle seconde palle e paga un certo gap di reattività con il Lecco, dietro la retroguardia soffre gli uno contro uno.

Arbitro sig. Daniele Rutella 6: qualche giallo distribuito con equità, partita complessivamente non complicata da gestire.

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio