Seguici

Calcio

Lecco disorientato e arrendevole, il Piacenza cala il poker al Rigamonti Ceppi

Blucelesti senza nerbo e incapaci di reagire a episodi sfavorevoli: agli emiliani basta il minimo sindacale per ritrovarsi avanti di quattro reti. La reazione soltanto negli ultimi dieci minuti, per ammorbidire il punteggio: finisce 4-2

Nesta lascia il campo scuro in volto BONACINA/LCN SPORT
Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 4 minuti

Sconfitta pesante per il Lecco che, davanti al pubblico del Rigamonti Ceppi, crolla davanti al Piacenza incassando il secondo ko consecutivo, in termini numerici significativo e soprattutto a conferma di una crisi (psicofisica o di atteggiamento?) ormai conclamata. Le reazione arriva soltanto negli ultimi dieci minuti, a buoi già scappati.

Prima conclusione di D’Anna dopo tre minuti, tiro lontano dal palo alla destra di Vettorel. Al 12′ conclusione da lontano del Piacenza, a firma di Corradi, rasoterra fuori. Azione insistita sulla destra, Nesta si accentra e calcia forte, conclusione centrale e nessun problema per il portiere ospite.

Al 21′, dal nulla, cross dalla destra di Palma, colpo di testa sul secondo palo di Gonzi, palla che rimpalla e beffa col rimpallo Bertinato per il vantaggio degli emiliani. Brivido al 24′ sul retropassaggio di Bruzzone per Vettorel e Capogna che per poco non ne approfitta.

Il Lecco fatica a costruire, Piacenza ancora avanti al 34′ con il tiro a giro di Gonzi, parato facilmente da Bertinato. Al 39′ fortuito colpo di mano di Celjak in area, calcio di rigore e Piacenza che raddoppia con Corradi. La reazione è tutta nel colpo di testa di Capogna su cross di Nesta dalla destra, fuori di poco. L’occasione più ghiotta per accorciare in pieno recupero sulla punizione di Giudici, deviata, che per poco non beffa Vettorel.

Ripresa: il terzo gol arriva subito

Il Lecco comincia senza cambi, dopo un minuto Marzorati colpisce di testa da corner e centra in pieno la traversa. Il Lecco c’è ma al 7′ prende ancora un gol evitabile: palla filtrante di Corradi, che elude l’intervento troppo “morbido” di Marzorati e serve Ghisleni: la conclusione, sbilenca, beffa comunque Bertinato.

Al Piacenza riesce davvero tutto: al 13′ punizione di Corradi, sinistro a battere un colpevole Bertinato sul palo corto. Poker piacentino, quasi senza sapere come, con un Lecco attonito. Al 21′ occasione per Mangni che svirgola alto da due metri.

Il Lecco segna solo all’80’, dalla punizione di Nesta dai trenta metri Mastroianni stacca in mezzo all’immobile difesa del Piacenza e insacca, permettendo quanto meno di ritrovare la via del gol alla squadra dopo 300 minuti (eccetto recuperi). Nel finale punizione di Palma fuori, in pieno recupero rasoterra a giro di Purro imbeccato in area da Marotta che sigla il 2-4 definitivo.

Calcio Lecco 1912 2-4 Piacenza (0-2)

Marcatori: Gonzi (P) al 21′, Corradi al 40′ p.t su rigore, Ghisleni (P) al 9′, Corradi (P) al 13′, Mastroianni (L) al 37′, Purro (L) al 48′ s.t.

Lecco (3-4-3): Bertinato; Celjak, Marzorati, Capoferri; Nesta, Galli, Moleri (dal 10′ s.t. Marotta), Giudici (dal 25′ s.t. Purro); Mangni (dal 25′ s.t. Mastroianni), Capogna (dal 17′ s.t. Lora), D’Anna (dal 10′ s.t. Kaprof) (Pissardo, Malgrati, Porru, Merli Sala, Haidara, Raggio, Bolzoni). All. D’Agostino.

Piacenza (4-3-1-2) Vettorel; Simonetti, Battistini (dal 27′ Saputo), Bruzzone, Visconti (dal 27′ s.t. Renolfi); Corbari (dal 27′ s.t. Ballarini), Palma, Galazzi; Corradi (dal 19′ s.t. Miceli), Ghisleni (dal 19′ s.t. Maritato); Gonzi (Stucchi, Martinbianco, D’Iglio, Pedone, Lamesta, Babbi, Villanova). All. Manzo (in panchina Lunardon).

Note: spettatori 500 circa. Ammoniti:Corbari, Kaprof, Marzorati. Angoli 7-1

Arbitro: Di Marco di Ciampino

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio