Seguici

Calcio

Pagelle | Lecco: la prestazione è positiva, il risultato no. Capogna il migliore. Israel salva i bianconeri, Delrio inadatto

Il centravanti segna e fornisce due passaggi decisivi a Nesta e Giudici, che però non realizzano. Il direttore di gara si “macchia” di partigianeria

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

Calcio Lecco 1912 voto 6,5: ancora una volta è l’imprecisione sottoporta, come prima causa, a non consegnare tre punti nelle mani dei blucelesti. Alla fine il rischio della beffa non si materializza per centimetri, ma la gara è stata giocata in maniera sufficiente. E’ il risultato, invece, a non essere soddisfacente.

Bertinato 6: incassa gol senza poter far molto, poi rischia di capitolare nuovamente per un buco della retroguardia. Il suo lo fa.

Merli Sala 6,5: non ha vita facile con Rafia, tutt’altro, ma gli nega la gioia del gol immolandosi su un tiro a botta sicura. Un po’ bravo, un po’ fortunato, sicuramente un bonus nella sua valutazione.

Malgrati 4,5: a Fagioli concede una penetrazione che non dovrebbe mai concedere, a Marques concede la profondità su un lancio dalla lunga distanza. Due errori gravi.

Celjak 6: ancora una volta viene schierato sul suo lato “cieco”, difatti prova due cross che finiscono direttamente in mano a Israel. Difensivamente, al contrario, è inappuntabile.

Nesta 6,5: si propone con costanza ammirevole, spaccando la difesa juventina in quattro occasioni. Purtroppo non ha il killer instinct, ma è tra i migliori per continuità.

Marotta 6,5: ogni partita che passa cresce in noi la convinzione che sia un elemento che, per mix di competenze e capacità, sia da mettere tra gli irrinunciabili.

(dal 44′ st Moleri sv.)

Galli 5,5: fisicamente viene un po’ sovrastato in mezzo al campo, ma cerca di tener botta con corsa e temperamento. Ha una percentuale di colpa sul gol di Fagioli.

Purro 6,5: dai suoi piedi nascono le prime occasioni pericolose del Lecco, gol di Capogna compreso. Cala alla distanza, probabilmente non ha più di un’ora nelle gambe.

(dal 41′ st Capoferri sv).

Giudici 5,5: lui ha nel palmares una stagione da doppia cifra per gol segnati e, di conseguenza, l’errore tutto solo davanti a Israel rimane poco comprensibile. Peccato, perchè nel primo tempo le sue accelerazioni fanno molto male alla Juve. Cala, fino a sparire, nella ripresa.

(dal 27′ st Lora 6: dentro, al solito, per cercare di alzare il livello di pressione sul portatore di palla avversario. Vi riesce a fasi alterne).

Capogna 7: torna a casa con la terza marcatura stagionale e due azioni pericolose create. Per noi, il migliore dei blucelesti.

Mastroianni 6: fa il lavoro sporco, permettendo a Capogna di giocare molto spesso con la porta vista frontalmente. C’è chi canta, lui porta la croce.

(dal 41′ st Mangni sv).

All. D’Agostino 6: la priorità assoluta era quella di tornare a muovere la classifica dopo due sconfitte di fila, ma la mole di gioco o occasioni prodotte al “Moccagatta” non fanno tornare a casa con la serenità stampata in volto. Il match viene preparato bene, ma nella ripresa l’involuzione è stata palese.

Juventus U23 voto 6: salvati dagli errori altrui, i giovani bianconeri rischiano anche di piazzare il colpo grosso. Sarebbe stata decisamente troppa grazia.

Israel 6,5; Coccolo 6, Capellini 5,5, Alcibiade 5,5; Leo 6, Del Sole 5,5 (dall’11’ s.t. Troiano 6,5), Peeters 6,5, Ranocchia 6; Fagioli 6,5 (dal 1′ s.t. Tongya 5,5), Rafia 6 (dal 47′ s.t. Petrelli sv); Marques 5. All. Mirko Conte (Zauli assente) 5,5.

Arbitro sig. Michele Delrio 4,5: due errori lapalissiani ai danni di Marotta nel primo tempo, il tentativo di compensare parzialmente nella ripresa, ma una certa partigianeria per la squadra di casa che nessuno ci leva dalla testa. Inadatto.

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio