Seguici

Calcio

Verso Grosseto-Lecco: «Rosa ridotta, dovremo essere attenti e sacrificarci. Loro sanno cosa devono fare. Giovani? Serve malizia». I convocati

Il tecnico pronto per la trasferta in Toscana contro i maremmani, mai vincitori allo “Zecchini”: «Il loro riposo di mercoledì non dev’essere un alibi»

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 4 minuti

Neanche il tempo di assaporare il dolce sapore della vittoria conquistata con il Novara che la Calcio Lecco 1912 è chiamata a una nuova rifinitura. In vista ci sono la lunga trasferta e la sfida con il Grosseto, compagine che per lungo tempo è stata nei primissimi posti della classifica del girone “A” di Serie C, salvo poi conoscere un periodo di magra: reduce da due pareggi e una sconfitta nelle ultime tre uscite, la squadra toscana è scesa al nono posto in graduatoria, comunque in linea con l’obiettivo salvezza prefissato dopo la sorprendente promozione dalla Serie D. Tra l’altro allo “Zecchini” i biancorossi non hanno mai conquistato la posta piena, portando a casa un pareggio e tre sconfitte.

Che gara dobbiamo aspettarci? «Dovremo essere attenti e corti, giocando con sacrificio perché saremo un po’ ridotti a livello di rosa – introduce mister Gaetano D’Agostino -. L’espulsione di D’Anna con il Novara l’ho rivista varie volte, non era intenzionale e c’è stato un metro diverso rispetto all’intervento di Collodel su Galli non sanzionato; ci sono stati due pesi e due misure. Se fosse arrivata a dieci minuti dalla fine probabilmente avremo parlato di un’altra gara. Presenze e assenze? Rientra Giudici insieme a Nannini e Kaprof, che saranno a disposizione ma non so per quanti minuti; mancheranno, invece, Galli, D’Anna, Marzorati, Iocolano e Cauz per motivazioni diverse»

«Compattezza, duelli e imprevedibilità»

Serviranno soprattutto compattezza e sciabola, dunque: «Mercoledì abbiamo progressivamente conquistato campo, poi ci sono giocatori che devono determinare negli ultimi venticinque metri. Voglio quello dai miei attaccanti, l’imprevedibilità; prima vinciamo i duelli, poi serve sempre la giocata del singolo, messa a disposizione dei compagni di squadra. Dobbiamo rimanere compatti e costanti, prendendo punti importanti tutti insieme, senza personalismi e anche essendo meno belli».

Il mese di novembre può portare generalmente a un calo di tipo fisico: «In realtà stiamo bene, è tutta testa. Se c’è la positività le gambe vanno, sempre, mentre la negatività ti frena. Non dev’essere un alibi il riposo di mercoledì del Grosseto, chi oggi tira la cinghia lo deve fare anche per aspettare il prossimo rientro dei compagni di squadra. E’ l’ultima gara in cui dovremo soffrire così a livello numerico».

Guardando ai toscani, il bilancio è chiaro e positivo: «Hanno fatto nove gol, ma tutti decisivi; difensivamente, invece, non hanno mai incassato goleade. Significa che sanno cosa devono fare, senza mollare. Ci servirà intelligenza. Centrocampo settore decisivo? Una mano servirà anche dagli attaccanti per non giocare in inferiorità numerica lì in mezzo, tutti sappiamo che gara ci aspetta. Chi ci sarà certamente? Marotta. Moleri quarto di destra? Può fare tutto, ma non è nelle sue corde. Raggio? E’ potenzialmente pronto, ma gli serve tempo per svezzarsi e trovare la malizia. Altri ragazzi hanno già fatto dei campionati negli anni precedenti, lui ha anche un ruolo particolare. Ha davanti un futuro, ma sto portandolo a incattivirsi, anche con me. Lo stesso discorso vale per Haidara, serve malizia. Saranno premiati nel corso della stagione».

Grosseto-Lecco: i convocati

Come preannunciato dal tecnico, sicuramente non saranno a disposizione Simone Iocolano, Cristian Cauz e Giorgio Galli per infortunio, mentre Simone D’Anna è squalificato e Lino Marzorati tenuto fuori per una sorta di affaticamento fisico. Al rientro, invece, Luca Giudici, Cosimo Nannini e Juan Cruz Kaprof. Nella tarda mattinata odierna sarà comunicato l’elenco ufficiale dei convocati.

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio