Seguici

Calcio

Pagelle | Calcio Lecco: Giudici croce e delizia, D’Anna ha grande voglia. Manca l’apporto dalle fasce

Il numero sette bluceleste va a sprazzi ma la sua punizione che regala la vittoria è un capolavoro, Simone lotta come un leone anche quando la squadra perde brillentezza. Capoferri e Nesta soffrono, Capogna al quinto gol stagionale

Per Riccardo Capogna quinto centro stagionale
Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 4 minuti

Calcio Lecco 1912 voto 6,5: prestazione non brillante dopo un inizio incoraggiante. Non c’è attenzione nel gestire per due volte il vantaggio, poi nel finale emerge una maggiore qualità e la voglia di prendersi i tre punti. Il cinismo nello sfruttare i calci da fermo copre le magagne: si evidenziano ancora troppi errori tecnici che da questa squadra è lecito non aspettarsi.

Pissardo 6,5: una ribattuta di pugno centrale sulla conclusione di Bariti mette i brividi, poi due grandi interventi a deviarla alta sulla punizione di Panatti e sul colpo di testa di Andreoli.

Merli Sala 6: dietro è il più attento di tutti, non commette particolari sbavature e impreziosisce la sua partita con il gol del primo vantaggio. Bruciato da Morello in occasione del 2-2.

Malgrati 5,5: meno brillante rispetto all’ultima prestazione, non va in affanno ma si assenta, come tutto il reparto, sul secondo gol della Pergolettese.

Capoferri 5,5: dalla sua parte, soprattutto nella ripresa, nascono le azioni più interessanti create dagli ospiti. Non è ancora al meglio e non ha la gamba e l’anticipo dei giorni migliori.

Nesta 5,5: non riesce mai a spingere come ci si aspetta da lui e come sa fare, forse più attento a non concedere spazio. Ma dalla sua parte Morello scende e mette il cross per Bakayoko. Batte bene il corner su cui arriva il gol di Capogna.

(dal 26′ s.t. Cauz sv)

Marotta 6: tanto lavoro oscuro, ok, ma è meno presente del solito nella manovra bluceleste, e alla fine si sente.

Bolzoni 6: il suo lavoro oscuro, rispetto al compagno di reparto, si vede e si avverte di più. Sceglie spesso l’anticipo e garantisce buona copertura per vie centrali.

Giudici 6,5: la sua partita è un continuo saliscendi. Parte bene, calciando la punizione da cui nasce il vantaggio, creando un’altra occasione per Mangni, poi si spegne e non indovina una scelta per cinquanta minuti. Si riaccende calpestando la sua zolla, con il destro fatato che si infila sotto la traversa e regala i tre punti.

Mangni 5,5: all’inizio fa il solito elastico tra attacco e centrocampo, con un gran lavoro di copertura e recupero palla. Va due volte alla conclusione su azione personale. Poi, di fatto, sparisce dal campo.

(dal 16′ s.t. Mastroianni 6: poco servito dai compagni, in una fase in cui il ritmo cala, cerca di tenere palla e prendersi falli sistematici).

Capogna 6: tanta fatica per entrare nel match, meno vivo del solito, anche nel dialogo con i compagni. Ma sull’unica palla che raccoglie in area, con un tuffo nel deserto gialloblu, fa gol. Il quinto in campionato.

(dal 26′ s.t. Moleri 6: entra e fa valere la gamba fresca nel finale).

D’Anna 6,5: non entra nei gol che decidono il match, ma è il migliore in campo fra i blucelesti. Perché ha gamba, voglia, e si sbatte in un lavoro di pressione sui primi portatori di palla avversari senza perdere qualità e lucidità.

(dal 45′ s.t. Haidara sv)

All. D’Agostino 6: dà fiducia a D’Anna dopo la squalifica, e viene ripagato dalla prestazione. La squadra va a corrente alternata: i blackout di attenzione costano gol evitabili, le fiammate offensive producono i calci da fermo da cui nascono le tre reti di giornata. Manca un cambio di passo, lo sfruttamento pieno dell’ampiezza del campo. Dove sono finiti i cambi di gioco improvvisi delle prime partite?

Pergolettese 5,5: da un punto di vista tattico, francamente, non ci si può attendere di più, con De Paola appena saltato in sella. Partita prevalentemente difensiva, nel tentativo (riuscito) di concedere poco al Lecco su azione. A mancare, però, è il mordente, la voglia di fare risultato in un finale in cui dovrebbe mettere sotto l’avversario sul piano agonistico.

Ghidotti 5; Candela 6, Lucenti 5,5, Bakayoko 6,5, Villa 5; Varas 5,5 (dal 41′ s.t. Palermo sv), Panatti 6,5, Figoli 5 (dal 12′ s.t. Andreoli 5,5); Bariti 5,5 (dal 26′ s.t. Faini 5,5), Bortoluz 6 (dal 26′ s.t. Longo 6), Morello 6 (Soncin, Piccardo, Ferrara, Lamberti). All. De Paola 6.

Arbitro sig. Ferrieri Caputi 6: a conti fatti, direzione lineare con un metro di giudizio mantenuto tutti i 95′. Gestisce bene i cartellini, qualche recriminazione degli ospiti nel finale per una trattenuta in area, sulla quale non tituba.

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio