Seguici

Calcio

Pagelle | Calcio Lecco: Iocolano torna e fa sfracelli, tris di prodezze per Pissardo. Doppietta per Mastroianni dalla panchina

Il rientro del fantasista accende la formazione bluceleste, capace di tornare ad ottenere una convincente vittoria per 4-1 sulla Pistoiese. Prova superlativa anche per l’estremo difensore

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 6 minuti

Calcio Lecco 7,5: la battuta d’arresto patita a Sesto San Giovanni, dopo le tre importanti vittorie consecutive ma poco convincenti sul piano del gioco, aveva gettato ulteriore negatività sulla compagine bluceleste. La prova fornita oggi contro la Pistoiese contribuisce a ritrovare i tre punti ma soprattutto tanto entusiasmo.

Pissardo 8: clamoroso l’intervento sul tentativo involontario di autorete di Marzorati, altrettanto le parate di grande difficoltà sulla zuccata di Gucci e sulla stoccata di Stoppa. Nulla può sulla rete del nove ospite, ma si sarebbe meritato il clean sheet per i miracoli compiuti.

Marzorati 6,5: una gran chiusura nella prima frazione e la consueta attenzione e sicurezza. Due sbavature che per sua fortuna e di tutta la squadra vengono contenute da Pissardo, prima il sopra citato colpo di testa indirizzato all’angolino, poi il brutto alleggerimento sui piedi di Stoppa.

Malgrati sv: il capitano è costretto ad alzare bandiera bianca dopo poco più di venti minuti per un infortunio muscolare. Pochi palloni dalle sue parti nello spezzone di gara giocato.

(dal 21′ pt Capoferri 6: entra sulla sinistra nel trio difensivo dopo l’infortunio occorso a Malgrati. Non si rivede ancora lo splendido giocatore ammirato a inizio stagione, ma è di certo una pedina importante. La sua sufficienza è risicata: pesa sulle sue spalle il buco che nel finale spiana la strada alla rete, seppur inutile a conti fatti, di Gucci.

Cauz 6,5: sempre una garanzia nelle retrovie. Viene spostato centrale dopo l’uscita dal campo di Malgrati, e da lì contiene i pur pochi pericoli arrivati. Un giocatore spesso poco celebrato, ma molto prezioso per questa truppa.

Nesta 6: meno coinvolto rispetto ad altre circostanze, anche per la presenza di Iocolano che ha di fatto privilegiato un gioco più “centrale” piuttosto che sugli esterni. Anche in questo caso una sufficienza non propriamente pienissima, ma poco importa.

(dal 24′ st Giudici 5,5: l’unica nota purtroppo negativa dell’ottimo pomeriggio bluceleste. Sebbene ci siano un paio di sufficienze risicate o non piene per altri calciatori, in questo caso chiudere un occhio non sarebbe bastevole. Entra a metà ripresa ma non riesce mai a farsi vedere o a proporre qualche giocata interessante, degna di nota.

Marotta 7: dà il là all’azione del gol del 2-0 di Iocolano, e serve direttamente sul piede di Mastroianni la palla del 4-1. Visione di gioco, gamba, qualità: una delle versioni migliori, ritrovata, dell’intelligente e fondamentale centrocampista .

Bolzoni 6: più in ombra rispetto al collega metronomo, ma è una presenza in mezzo al campo che si sente sempre e comunque. Non ruba la scena con assist o giocate illuminanti, ma ciò che conta è quanto appena detto sopra.

Nannini 6: esordio assoluto per il classe ‘99, schierato titolare da mister D’Agostino ed in campo per tutta la durata del match. Si vede pochissimo nei secondi quarantacinque minuti, meglio nei primi, ma come già sottolineato il gioco sugli esterni oggi è stato sfruttato in maniera minore. Può sicuramente offrire un maggiore apporto, ma ha rotto il ghiaccio. Sufficienza di incoraggiamento.

Mangni 6: non di certo la miglior prova del forte numero dieci bluceleste, frenato forse anche da qualche strascico della gara di Sesto che ancora aleggiava nella testa. Dà la sensazione di comporre, assieme a Iocolano e Capogna, il terzetto ideale per il fronte offensivo bluceleste, e nei prossimi incontri potrà dimostrarlo con un contributo decisamente più importante, come è in grado di offrire.

(dal 35′ st Moleri 7: entra come meglio non potrebbe fare. Ci mette la grinta giusta, miglior ingrediente che offre la casa, e nel modo giusto: anticipato da Mastroianni, per questione di altezza, sul gol del 3-0, apre poi la strada a quello del 4-1 con un tocco illuminante in profondità per Marotta.

Iocolano 8: gol, assist, rigore procurato. Questo e tanto altro per l’uomo più atteso, il grande ritorno che dà la scintilla giusta a una squadra capace finalmente di ritrovare gioco e trame. La sua importanza è testimoniata dalla capacità di attrarre la maggior parte dei palloni giocati dalla squadra e tramutarli sempre in qualcosa di utile.

Capogna 6,5: consueto terminale offensivo bluceleste e gran lavoratore. Beneficia delle “fatiche” sulla trequarti di Iocolano e, come già detto, in misura minore di Mangni. Sblocca poi il match con la realizzazione dal dischetto, tutt’altro che scontata: quella palla oggi pesava sicuramente un po’ di più…

(dal 35′ st Mastroianni 7: entra col canonico animo battagliero e prende subito una “cartella” in faccia, prontamente restituita poco dopo. Al primo pallone toccato insacca di testa sulla pennellata di Iocolano, al secondo batte Perucchini di destro dopo il passaggio vincente di Marotta. Due reti che chiudono una gara (pur intervallate dal gol di Gucci) importante per la squadra e aumentano il morale del calciatore.

All. D’Agostino 7: ritrova finalmente Iocolano e, come giustamente detto nella conferenza di presentazione alla gara, non se ne priva. E il risultato è quello atteso, forse anche di più. Si trova costretto a mettere mano alla difesa alla metà della prima frazione, ma la “ridisegna” in modo ottimale e funzionale. Lancia dal primo minuto Nannini, il quale però non dispone di grossa mole di palloni giocabili. Azzeccati i cambi a dieci dal termine con Mastroianni e Moleri, che contribuiscono a chiudere una gara che la Pistoiese, con più cattiveria, avrebbe anche potuto riaprire minuti prima.

Pistoiese 5,5: mister Riolfo è alla seconda gara sulla panchina dei toscani, dopo la vittoria all’esordio contro la Lucchese. I toscani si affidano al pacchetto offensivo formato da Valiani, Gucci e Cesarini. L’esperto capitano si dimostra il più attivo tra le linee, altrettanto il numero dieci che ci prova in un paio di circostanze, ma senza far male. Bomber Gucci trova la rete, mentre per l’ex Chinellato l’ingresso per la mezz’ora finale è incolore. Gara certamente non irresistibile per gli arancioni.

Perucchini 6; Pierozzi 6 (dal 43′ s.t. Stoppa sv), Camilleri 5,5, Solerio 5,5, Simonti 5,5 (dal 9′ s.t. Salvi 6); Spinozzi 6, Cerretelli 5,5 (dal 9′ s.t. Simonetti 5,5), Mal 6 (dal 14′ s.t. Chinellato 5); Valiani 6 (dal 43′ s.t. Rondinella sv); Gucci 6,5, Cesarini 6 (Vivoli, Llamas, Mazzarani, Romagnoli, Cavalli, Renzi, Tempesti). All. Riolfo 6.

Arbitro sig. Grasso 6: non tra le gare più complicate da dirigere. Netto il rigore assegnato in favore dei blucelesti alla mezz’ora, quando Solerio stoppa col braccio la conclusione di Iocolano. Mangni sul prosieguo aveva ribadito in gol, ma era già arrivato il fischio arbitrale.

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio