Seguici

Calcio

Pagelle | Lecco: le occasioni sprecate lasciano l’amaro in bocca, ma il gol annullato lascia l’amaro in bocca. Savini salva gli orobici

Tra i blucelesti tante sufficienze sparse, ma il gioco sugli esterni va spesso in sofferenza. Savini il migliore tra gli orobici

Simone Iocolano, tra i migliori in campo BONACINA/LCN SPORT
Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

Calcio Lecco 1912 voto 6: mezz’ora di adattamento e lieve sofferenza, poi la squadra cresce, trova il gol (annullato) e si mangia le mani per le occasioni sprecate sottoporta.

Pissardo 6,5: un ottimo intervento su Cori, poi cancellato dal fuorigioco, e un buon intervento su Tomaselli. Poi è ordinaria amministrazione, ma lui c’è sempre.

Merli Sala 6,5: si prende cura di un osso duro come Cori. Sono le sue partite.

Malgrati 6,5: non tanto lavoro da svolgere, ma salva su Manconi durante il primo tempo.

Cauz 6: al rientro, fornisce una prestazione diligente.

(dal 45′ st Capoferri sv).

Nesta 5,5: bel duello con Tomaselli su quella fascia, ma in fase di cross sbaglia spesso e volentieri.

Marotta 6: paradossalmente, nella partita sporca risaltano maggiormente le sue qualità di “motorino”.

Bolzoni 6: solito lavoro di spada in mezzo al campo contro un elemento di tutto rispetto come Giorgione.

Nannini 5,5: esattamente come Nesta, negli ultimi trenta metri fa una gran fatica a incidere. Iocolano e D’Agostino non gli risparmiano urlacci.

Foglia 6: all’esordio in un ruolo non suo, svolge il compito assegnatoli facendo pressione su Nichetti. Il campo non lo aiuta quando ha la miglior palla-gol del match tra i piedi.

(dal 14′ st Lora 6: eredita posizione e compiti da Foglia. Conferma le buone sensazioni che ne hanno accompagnato le ultime prestazioni).

Iocolano 6,5: svaria tra ghiaccio e fango, distribuendo i pochi palloni di qualità del match. Si adatta a un campo che lo fa innervosire mettendosi al servizio della squadra.

Capogna 6: due palle-gol, comunque non nitide, negli ultimi 10 metri; una va molto alta, l’altra costringe Savini al grande intervento. Svolge il solito lavoro sporco.

(dal 45′ Mangni sv).

All. D’Agostino 5,5: le partite perse su campi simili hanno insegnato che l’atteggiamento iniziale può anche essere più umile; la gara è interpretata bene, ma un po’ più di coraggio nel fare i cambi avrebbe potuto pagare dividendi ben maggiori. La doppia sostituzione nel recupero è francamente inspiegabile, questione minutaggio (Capoferri) a parte.

Albinoleffe 6: la prima mezz’ora di sterile possesso palla, poi sessanta minuti giocati con atteggiamento remissivo. Zaffaroni ringrazia gli interventi di Savini

Savini 7; Canestrelli 6, Mondonico 5,5, Gusu 6; Petrungaro 5,5 (dal 24′ s.t. Galeandro 6), Giorgione 6, Nichetti 6 (dal 38′ s.t. Genevier sv), Gelli 6, Tomaselli 6,5; Cori 6, Manconi 5,5. All. Zaffaroni 6.

Arbitro sig. Samuele Andreano di Prato 4,5: il gol annullato al Lecco non ha una motivazione che tenga. Su un campo del genere non permette alle due squadre di spendersi nel gioco maschio, naturalmente chiamato dal fondo di complessa interpretazione.

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio